Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Gemmellaro, spaccata la vetrina dell'hamburgeria
Il titolare: «Siamo chiusi, dentro ci sono solo le birre»

Il Burger boss è uno dei locali della strada che fu della movida e che adesso è un deserto. Lì, qualche notte fa, qualcuno ha tentato di introdursi forzando le vetrine blindate dell'ingresso, ma senza esito. «Che si aspettavano di trovare?», si domanda il proprietario

Luisa Santangelo

L'emergenza coronavirus ha fatto tornare via Gemmellaro a qualche anno fa. Adesso, la via della movida è deserta com'era prima che i locali fagocitassero le botteghe. Per la strada camminano solo pochi residenti, per il resto non si vede nessuno. La vetrina di un pub racconta il nuovo buio: la porta vetrata del Burger boss è stata spaccata qualche notte fa. Le immagini di videosorveglianza di un ristorante vicino riprendono una persona, intorno alle cinque del mattino, restare di fronte alla porta per un po', poi avvicinarsi e probabilmente spaccarla. L'inquadratura questo non lo vede, il risultato però è sotto gli occhi di tutti.

«Non so se fosse una persona da sola», racconta a MeridioNews uno dei titolari dell'attività commerciale, aperta da dicembre 2018 in una strada che, nel giro di pochi anni, ha cambiato volto. «Chiunque fosse, prima ha tentato di scardinare la vetrata all'altezza della maniglia, ma non ci è riuscito perché è blindata». I segni, però, sono rimasti e sono ben visibili. Il vetro è rigato all'interno, anche se integro all'esterno. «Poi, non riuscendo da lì, ha preso una pietra molto grossa e pesante e l'ha lanciata sulla parte alta della vetrina, che non è blindata». E quella è andata in frantumi.

Un danno inutile, visto che da lì non era possibile entrare nel locale e portare via qualcosa. «Anche se fosse stato possibile, cosa si aspettavano di trovare? La nostra hamburgeria è chiusa dall'8 marzo». Da prima, cioè, che i decreti del governo li obbligassero a chiudere i battenti. «Abbiamo scelto anche di sospendere le consegne a domicilio per senso civico - prosegue - non volevamo mettere a rischio i nostri dipendenti e i corrieri. Col senno di poi, abbiamo fatto bene. Ma dentro ci sono giusto le bottiglie. È più il danno della vetrina che quello che c'è da rubare dentro».

Il tentativo di furto è l'ipotesi, per il titolare, più accreditata. Forse per via del frigorifero con le birre ben visibile dalla porta d'ingresso. «Adesso abbiamo spostato tutto e rinforzato la porta come possibile - continua - Sono andato in questura e ho fatto la denuncia, ma so che in questo momento le forze dell'ordine sono impegnatissime su altri fronti». La speranza è che, oltre al danno economico della chiusura obbligata, non si aggiunga anche la beffa dei tentativi di rubare la merce ai locali bloccati. «È successo a me, ma in questo momento poteva succedere a chiunque», conclude l'uomo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews