Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, positivo un quinto lavoratore della Pfizer
In servizio nello stesso reparto del 52enne deceduto

Non si ferma la conta dei dipendenti dello stabilimento dell'azienda farmaceutica della zona industriale di Catania contagiati dal nuovo coronavirus. Quest'ultimo caso riguarda un 45enne che si occupa delle stesse attività del quarto risultato positivo

Marta Silvestre

Ancora un caso di positività al coronavirus di un lavoratore dello stabilimento della zona industriale di Catania dell'azienda farmaceutica Pfizer. Si tratta di un manutentore di 45 anni impiegato nello stesso settore in cui lavorava il dipendente di 52 anni morto lo scorso 16 marzo nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Cannizzaro. In particolare, il 45enne è un collega di lavoro che si occupa delle stesse attività del 35enne risultato positivo al Covid-19 cinque giorni fa

Il quinto caso di contagio nel sito è uno dei tre lavoratori che, nei giorni scorsi, erano già stati sottoposti al tampone orofaringeo. Lui, pur essendo asintomatico, era già stato ricoverato in ospedale, per gli altri due invece era stata disposta la quarantena domiciliare. Intanto, dai ieri, la produzione dell'azienda è ripartita gradualmente anche per altri farmaci, oltre agli antibiotici ad ampio spettro la cui continuità è stata sempre garantita. 

Dopo la morte del lavoratore 52enne, addetto al controllo della documentazione, sul colosso americano si erano accesi i riflettori. Poco dopo il decesso, si era registrato il caso di positività al Covid-19 di un lavoratore di 22 anni che era stato ricoverato all'ospedale San Marco di Catania insieme alla moglie, anche lei poco più che ventenne. Questo dipendente, che non appartiene allo stesso reparto in cui lavorava la vittima, non sarebbe stato tra i cinquanta colleghi posti in quarantena domiciliare preventiva.

Due giorni dopo, al conteggio dei positivi al Covid-19 che orbitano attorno alla multinazionale Pfizer si è aggiunto un terzo lavoratore, un uomo sulla cinquantina per cui era stato disposto l'isolamento a casa. Quest'ultimo, a differenza del 22enne, si trovava già in quarantena domiciliare obbligatoria proprio perché era entrato in stretto contatto con il collega deceduto. 

L'ultimo contagiato in ordine cronologico era stato, lo scorso 26 marzo, un lavoratore di circa 35 anni impiegato nel reparto della produzione. Prima che venisse certificata la sua positività al coronavirus, aveva avuto la febbre alta ma per lui non era stato necessario il ricovero in ospedale. Si trova, infatti, in isolamento domiciliare. Adesso, il numero dei contagiati di Pfizer è salito a cinque.

Intanto, scadeva l'altroieri (il 29 marzo) l'accordo raggiunto tra i vertici dell'azienda e le sigle sindacali che prevedeva che il sito restasse attivo solo nelle «aree selezionate» che producono «farmaci essenziali», cioè gli antibiotici ad ampio spettro. Da quando la pandemia ha interessato anche lo stabilimento della zona industriale, è cominciato un braccio di ferro durato diverse settimane tra la direzione aziendale e le sigle sindacali che chiedevano la chiusura del sito. Da ieri, invece, in modo graduale è ripreso anche il resto delle produzioni di farmaci.

Lo scorso venerdì, durante un incontro tra le parti, è stato deciso di fare un vertice settimanale per monitorare la situazione all'interno dello stabilimento. Sul versante della sicurezza, i sindacati hanno chiesto di potere visionare i certificati delle sanificazioni dei locali. Altre richieste hanno riguardato l'installazione dei termoscanner all'ingresso del sito e dei sanificatori negli ambienti di lavoro, specie nelle sale di produzione

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews