Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, tre contagi alla StMicroelectronics
«Noi abbiamo paura». Ma l'azienda non si ferma

Lo stabilimento della zona industriale di Catania continua a lavorare. Arriva, intanto, la notizia di un ulteriore lavoratore risultato positivo al Covid-19. In totale sarebbero una quindicina i dipendenti messi in quarantena

Luisa Santangelo

«Questo posto è una bomba. In circostanze normali, tra personale StMicroelectronics e indotto sono coinvolte circa seimila persone, che vengono da tutta la Sicilia. Se l'immagina cosa succede se qua esplode il virus?». A parlare è un lavoratore del colosso della microelettronica alla zona industriale di Catania. Oltre ai due contagi già noti, è appena stato confermato un terzo caso di positività: un ingegnere di 52 anni, in servizio nell'edificio M5, lo stesso dal quale veniva il primo contagio. L'azienda, come raccontato da MeridioNews nei giorni scorsi, ha ridotto al minimo le presenze fisiche in sede, tra telelavoro, ferie e congedi di vario tipo. Ma la produzione non si è fermata, anche se i numeri delle persone in loco sono ormai drasticamente ridotti.

Così sono tre i dipendenti della multinazionale ad avere contratto il Covid-19. L'ultimo è ricoverato all'ospedale Cannizzaro di Catania, nel reparto di Malattie infettive. Ha la febbre alta ma, stando a quanto risulta ai suoi colleghi, non è in gravi condizioni. È il terzo positivo della sede catanese dell'azienda. Il primo era stato un suo collega del medesimo stabilimento, il secondo un lavoratore dell'edificio Ct6, un altro sito aziendale di più vecchia concezione. Il tema, per chi ogni giorno si reca alla zona industriale del capoluogo etneo, è uno: le misure di sicurezza sono sufficienti? È stato mandato in quarantena fiduciaria tutto il personale che sarebbe stato necessario?

Per uno dei lavoratori di St sentito da MeridioNews, la risposta è negativa. L'1 aprile sono stati convocati i responsabili della sicurezza e i rappresentanti sindacali per dare loro la comunicazione del contagio. Il 52enne soffre di una patologia cronica e l'azienda avrebbe spiegato che l'ultimo giorno che è stato in ufficio era il 18 marzo. Data a partire dalla quale ha cominciato a eseguire i suoi compiti in telelavoro. Il giorno prima, avrebbe sostenuto ancora St, il dipendente non sarebbe sceso nel sito produttivo. «Lo dimostrano attraverso i badge, necessari perché si aprano le porte della produzione - continua il lavoratore - Noi siamo spaventati. Bisogna chiudere e sanificare, qui invece lavoriamo come prima». Cioè con le riduzioni del personale e le misure di prevenzione imposte dai decreti legge contro la diffusione del coronavirus, ma senza lo stop delle attività.

Le domande continuano. Nell'ufficio in cui lavora l'ingegnere contagiato avrebbero accesso almeno una decina di persone. In quarantena ne sarebbero state messe tre, stando a quanto risulta ai sindacati. Cioè quelle che avrebbero avuto i contatti più stretti con il collega positivo. In tutto lo stabilimento, sarebbero una quindicina i dipendenti in quarantena obbligatoria. A cui va aggiunta una lavoratrice rimasta a casa su suggerimento del medico, in attesa che arrivi l'esito del test del tampone su un impiegato con il quale condivide la sede di lavoro. Quest'ultimo, sottoposto all'esame rinofaringeo poiché familiare di un positivo, è in attesa del risultato.

Foto inviata da un lavoratore

Il 31 marzo, l'Asp di Catania, a seguito di un incontro voluto dalla prefettura, ha inviato a St un elenco di prescrizioni. Norme da rispettare e mettere in atto «con tempestività», precisava l'Azienda sanitaria provinciale etnea. Tra queste, l'individuazione di opportuni dispositivi di protezione individuali e la sanificazione straordinaria degli spazi aziendali. Per quanto riguarda le mascherine ogni commento è demandato alla visione della fotografia di una di quelle che sarebbero state consegnate all'ingresso nei giorni scorsi: una striscia di tessuto, quasi trasparente, da usare per proteggere le vie aeree.

Aggiornamento del 3 aprile 2020
L'articolo è stato modificato precisando che la StMicroelectronics ha ridotto al minimo le presenze fisiche nella sede di Catania, avviando il telelavoro. È stato precisato, altresì, come già fatto in altri articoli di MeridioNews, che l'azienda continua la produzione, pur avendo limitato il personale operante nel sito produttivo catanese e applicando le misure di prevenzione imposte dai decreti legge.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews