Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Montezemolo a passeggio per via Etnea
«In Sicilia più formazione e infrastrutture»

«Semplificare la burocrazia e investire. Ad esempio sui treni». Così Luca Cordero di Montezemolo ha spiegato la sua idea di «sviluppo» oggi in una passeggiata attraverso il centro etneo a sostegno dei candidati della lista Monti alle prossime elezioni politiche. A fargli compagnia proprio due esponenti del mondo della formazione e dell'imprenditoria, candidati al Senato: il rettore uscente Antonino Recca e l'ex assessore regionale alle infrastrutture Andrea Vecchio. Tra i commenti, contrastanti, dei passanti. Guarda le foto

Leandro Perrotta

«Il presidente Montezemolo c'è». «Unni è?», urla un uomo mentre si affaccia da un bar su via Etnea per salutarlo. «Ce la dà una macchina buona?» scherza, con l'imprenditore che risponde al saluto e scherza a sua volta: «Non ho portato la Ferrari». Arrivato questa mattina intorno alle 11 in piazza Duomo, il leader del movimento Italia Futura Luca Cordero di Montezemolo era questa mattina a Catania a sostegno della lista Monti alle prossime elezioni politiche. E, a far compagnia a lui che ha più volte dichiarato di puntare su «formazione e infrastrutture» per lo sviluppo del «turismo e dell'agroalimentare in Sicilia», c'erano i candidati al Senato Antonino Recca - rettore uscente dell'università di Catania - e l'ex assessore regionale alle Infrastrutture, l'imprenditore edile Andrea Vecchio. «Non sono candidato, ma credo che bisogna impegnarsi in prima persona per cambiare. Sostengo la prima lista nella storia in cui non c'è un politico, ma imprenditori, artigiani, professori. E poi l'Italia è tornata credibile grazie a Monti» spiega Montezemolo durante la breve, ma lenta passeggiata lungo via Etnea che lo ha portato, scortato da una cinquantina di simpatizzanti e altrettanti cronisti, fino al teatro Metropolitan.

[HTML1]

Varie le soste lungo il tragitto, la prima voluta da Recca nell'atrio del palazzo centrale dell'Ateneo, per «donare la cravatta dell'università». A seguire un breve incontro con alcuni esponenti del Movimento 5 stelle. «Che dice Beppe?» chiede Montezemolo ai grillini in via Etnea, che salutano con cortesia. E dopo aver stretto la mano agli operai del Comune che, con fiamma ossidrica in mano, stavano ancora sciogliendo la cera residua della festa di Sant'Agata, il gruppetto si è fermato per una sosta al bar Spinella. «Ha preso caffè e spumantino», commenta uno dei tanti testimoni di questa insolita trovata che «non ha fatto solo Berlusconi a Catania» commenta un passante. Ma proprio fuori dal bar di via Etnea un contestatore lo apostrofa urlando: «Uno dei migliori uomini d'Italia si è colluso con la politica, vergogna».  La gente per le strade, invece, si concentra più sulla sua figura mediatica. «Ma lo sai che è il figlio segreto di Agnelli?» commenta un uomo che assiste a questa insolita «sfilata», mentre una donna nota «i bellissimi occhi azzurri, non lo avrei mai detto». Ma sono pochi quelli che si fermano per ascoltare quel che Montezemolo ha da dire.

«Per dare lavoro bisogna investire, bisogna puntare sulle infrastrutture, come le ferrovie» spiega in una delle tante, troppe, pause per le interviste, tra la folla di fotografi e videocamere. «In Sicilia non si investono fondi europei per ammodernare tratte ferroviarie nate nel 1800» continua l'imprenditore della compagnia Nuova trasporto viaggiatori, società di trasporti ferroviari che con il treno ad alta velocità Italo cerca di far concorrenza a Trenitalia. «La presenza pubblica toglie spazio agli imprenditori, e rende più facile la corruzione» spiega infatti Montezemolo, che attende di raggiungere i suoi sostenitori - alcune centinaia, tra cui molti volti noti dell'imprenditoria catanese - nell'atrio del teatro Metropolitan per un breve comizio.

«Bisogna pensare agli investimenti e alla formazione e snellire la burocrazia, ma passare dalle parole ai fatti non è facile», commenta. Due obiettivi per i quali lo stesso governo del professore Mario Monti non poteva fare molto più di quanto ha fatto, sostiene Montezemolo, perché «in Italia abbiamo uno Stato troppo pesante con due Camere che fanno le stesse cose». La Sicilia, invece, dovrebbe puntare al «turismo e all'agroalimentare, ma sono due settori dove servono investimento e formazione». Al primo posto, quindi, dovrebbero stare le scuole: «Tutti devono avere la stessa possibilità di arrivare in alto nella scala sociale», spiega l'imprenditore di nobili origini. Che non nega la sua condizione di privilegiato quando dichiara «chi ha di più come me deve dare di più, ma lo Stato deve dimostrare di investire» conclude.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×