Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Marco Consoli lascia il Partito dei siciliani
«Ormai è una scialuppa per pochi cooptati»

Il presidente del Consiglio comunale di Catania lascia il Partito dei Siciliani. E con sé porta nove giovani consiglieri di vari comuni etnei del partito di Raffaele Lombardo. «Non possiamo appoggiare le scelte di un partito che ha ignorato i giovani nella compilazione delle liste per la Camera», affermano. Al momento non avranno un partito di riferimento, l'adesione all'Udc o al Megafono di Crocetta dipende solo dal progetto per le prossime elezioni comunali e provinciali. Dove a Consoli potrebbe essere affidato un ruolo di primissimo piano

Leandro Perrotta

«Non possiamo appoggiare le scelte di un partito che ha ignorato i giovani nella compilazione delle liste per le prossime elezioni per la Camera». Marco Consoli, presidente del Consiglio comunale di Catania, ha lasciato il Partito dei Siciliani. Da domani farà quindi parte del gruppo misto e, a confermare l'indiscrezione, che circolava da giorni tra i «ben informati» della politica di palazzo degli Elefanti, è arrivata prima una comunicazione ufficiale dall'ufficio stampa del Comune, seguita da una nota congiunta di nove giovani consiglieri di Catania e di vari comuni etnei, tutti vicini politicamente a Consoli e solidali nella sua scelta di lasciare il partito di Raffaele Lombardo. Che, con l'occhio già alle prossime elezioni comunali e provinciali di maggio, sembra adesso sembra in bilico tra un'adesione all'Udc o a un passaggio al centro-sinistra, nelle fila del Megafono del presidente della Regione Rosario Crocetta.

«Non possiamo condividere il percorso di un partito che, pur di garantire la propria permanenza al potere, si è alleato con Berlusconi e la Lega Nord, sacrificando il proprio progetto politico», dichiarano. Sono Francesco Trichini, 30 anni, consigliere comunale di Catania, Matteo Marchese, 34 anni, vice presidente del consiglio comunale di Misterbianco, Mario Pulvirenti, 32 anni, consigliere comunale di Sant'Agata Li Battiati, Giulio Pasqualini, 27 anni, consigliere comunale di Tremestieri Etneo, Carmelo Mazzella, 28 anni, consigliere comunale di Pedara, Seby Lombardo, 36 anni, consigliere comunale di Augusta, Mirko Ragusa, 34 anni, consigliere della terza municipalità di Catania, Maria Maugeri, 31 anni, consigliere della quinta municipalità, e Agatino Lanzafame, 26 anni, consigliere della sesta municipalità.

«Da diversi mesi, ormai, gli organi di democrazia interna del Pds-Mpa non svolgono la loro funzione», afferma Marco Consoli che, forte di quasi cinquemila preferenze personali alle scorse elezioni regionali, sperava in una maggiore considerazione per un posizionamento nel listino della Camera. «Le scelte politiche sono state fatte senza tenere conto dell’opinione della base e delle decine di giovani amministratori che ogni giorno si spendono al servizio del proprio territorio. Così si mortifica il merito - continua Consoli - e si sacrifica il progetto politico del partito, trasformandolo in una scialuppa di salvataggio per pochi cooptati».

Adesso, a giustificare un abbandono a pochi giorni dalle elezioni politiche, dove sarebbe stato più semplice attendere l'esito delle elezioni nazionali per il Mpa-Pds per un eventuale annuncio, si inseriscono le speculazioni sul futuro di Marco Consoli e dei giovani consiglieri che lo appoggiano. E l'ipotesi di una clamorosa candidatura alla presidenza della Provincia del trentacinquenne Consoli, in uno scenario che verrà chiarito solo dopo il 25 febbraio, non sembra nemmeno così peregrina.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×