Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Viale V. Veneto, 13 poliziotti immobilizzano un uomo
Manganellate in un video. Era sul bus senza biglietto

Il fatto è accaduto pochi giorni fa. Il filmato che circola in queste ore sui social mostra un grande dispiegamento di agenti e l'uso della forza. Quello che le immagini non mostrano è l'antefatto. Ecco cosa è successo. Guarda il video 

Redazione

Sei volanti della polizia e anche tre uomini dell'esercito. Un dispiegamento di forze per bloccare un uomo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, tutto sarebbe nato a bordo di un autobus a una fermata di viale Vittorio Veneto. L'uomo sarebbe salito senza il biglietto, l'autista glielo avrebbe fatto notare e il passeggero si sarebbe agitato. Al punto di convincere il conducente a chiedere l'aiuto dei soccorsi. Dopo l'arrivo della prima volante, a sirene spiegate, arrivano anche le altre. 

Gli agenti circondano l'uomo e, per diversi minuti, tentano di calmarlo e immobilizzarlo. Due cittadine, intanto, riprendono la scena dal proprio balcone in un video che in queste ore sta facendo il giro delle bacheche social. Nelle immagini si vede che i poliziotti intimano l'utilizzo di un taser. L'uomo, dopo le trattative a distanza, sembra rispondere alle richieste di stare fermo e di mettersi giù. Poi si rialza.

È a quel punto che, circondato dagli agenti, si vedono volare almeno due colpi di manganello. Un altro poliziotto, con lo stivale sulla schiena dell'uomo, lo porta faccia a terra. «Esagerati», commenta chi riprende la scena. Così come sui social, in queste ore, c'è chi chiede che si faccia chiarezza sull'accaduto.

Sul posto sono arrivati poi anche tre militari dell'esercito e il personale di un'ambulanza. Stando a quanto risulta a MeridioNews, l'uomo sarebbe poi stato sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio

Aggiornamento di domenica 19 aprile ore 17.00
Secondo quanto si apprende dalla questura di Catania i fatti si sono svolti lo scorso 14 aprile, intorno alle 15, quando un cittadino - con precedenti psichiatrici - stava per salire su un autobus della linea 448 con una mano ferita. Dopo uno scambio di battute - all'interno del quale si sarebbe inserita, secondo quanto risulta a MeridioNews, la discussione sul biglietto - l'autista, insospettito dalla ferita alla mano, avrebbe chiesto l'intervento dei soccorsi

Così una vicina pattuglia delle forze dell'ordine si sarebbe avvicinata per capire cosa stesse accadendo. Come riportato nel verbale dell'intervento, l'uomo si sarebbe scagliato contro l'ambulanza e poi contro la macchina della polizia ma senza causare danni. Vedendo comunque che l'uomo non si era calmato, gli agenti avrebbero chiamato altre due volanti affinché intervenissero in aiuto.

Dal video è possibile vedere che in viale Vittorio Veneto sono sei le macchine intervenute. In merito a questo, dalla questura precisano che si è trattato di un intervento chiamato «triangolazione»: in pratica, tre volanti intervengono per bloccare il soggetto in modo che non possa scappare o fare male a sé o ad altri. Le altre tre auto della polizia, arrivate in seguito in eventuale soccorso dei colleghi, non hanno operato.

Come correttamente riportato da MeridioNews, l'uso del taser è stato solo «intimato», mentre i colpi di manganello, specificano gli uffici di piazza Santa Nicolella, sarebbero stati inferti «solo sulle parti molli, precisamente alle gambe, per bloccare il cittadino in evidente stato di alterazione psicofisica». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×