Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caltagirone, svuotata la casa di riposo con 41 contagi
Sindaco: «Sono stato io a chiedere la visita ispettiva»

Una catena di ambulanze ha trasferito gli ospiti della struttura del Calatino. «Un medico e un risk manager dell'Azienda sanitaria provinciale hanno stabilito che andava sgomberata», spiega il primo cittadino Gino Ioppolo a MeridioNsws

Marta Silvestre

Foto di: Ruggero Razza su Facebook

Foto di: Ruggero Razza su Facebook

Una catena di ambulanze. Sono più di venti. Tutte in fila davanti all'ingresso della struttura dell'ospedale Cannizzaro di Catania. Destinazione la casa di riposo Don Bosco di Caltagirone dove, tre giorni fa, gli esiti dei tamponi hanno accertato che c'erano otto operatori positivi al Covid-19 e almeno 33 ospiti contagiati (circa il 90 per cento del totale). Otto anziani della struttura - che non è una residenza sanitaria assistenziale - erano già stati ricoverati all'ospedale Gravina di Caltagirone, mentre gli otto operatori sono stati posti in isolamento domiciliare. Obiettivo dell'operazione di ieri notte quello di svuotare la struttura.

La maggior parte degli anziani era rimasta all'interno dell'edificio con i protocolli separati che erano stati definiti da una équipe dell'Asp: misure di isolamento per i pazienti non-Covid, percorsi distinti tra aree infettive e aree pulite, sanificazione. «Sono stato io a chiedere all'Asp una visita ispettiva medico-sanitaria nella casa di riposo - spiega a MeridioNews il sindaco di Caltagirone Gino Ioppolo - per accertare che fosse un luogo idoneo per la permanenza degli anziani». Il sopralluogo è avvenuto nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15. «Sono arrivati un medico e un risk manager incaricati dall'Asp - aggiunge il primo cittadino - e, dopo i controlli, hanno stabilito che la struttura andava sgomberata e che tutti gli ospiti andavano ospedalizzati». 

E così è stato. L'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha pubblicato le foto di «una notte di lavoro. Uno straordinario lavoro realizzato dagli operatori del 118 e dai volontari della emergenza». Resta ancora da capire se il contagio nella della casa di riposo sia partito da una dipendente con il marito infetto, che ha lavorato prima che si scoprisse la positività del coniuge, o se ci fossero anche altri positivi all'interno della struttura.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×