Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Appellogiovane, una petizione sfida i politici
I promotori: «Chiediamo politiche concrete»

Il gruppo Giovani Italiani Bruxelles lancia un appello per sfidare i candidati alle vicine elezioni a impegnarsi a varare politiche concrete per garantire ai giovani opportunità di realizzazione professionale e personale. «Non c’é ancora nessun partito che tratta il tema dei giovani e del lavoro come prioritá di azione per il futuro governo», denunciano i promotori, anche attraverso un video. E invitano a firmare la petizione «perché l'Italia non può continuare a perdere un patrimonio umano inestimabile»

Agata Pasqualino

«L’Italia non avrà futuro se continua a perdere intere generazioni di giovani che hanno sempre meno opportunità a causa della crisi economica, occupazionale e del disinteresse della classe politica. Senza politiche mirate non si creeranno nuovi posti di lavoro né per i giovani di oggi né per quelli di domani». I membri del gruppo Giovani Italiani Bruxelles - precari, studenti e lavoratori accomunati da un forte interesse per l’attuale situazione politica in Italia e in Europa, che si sono già fatti notare organizzando il 30 gennaio il media stunt Italia: un Paese per Giovani? davanti alla Commissione Europea - ne sono convinti e per questo hanno lanciato #Appellogiovane, un petizione online per chiedere ai politici proposte concrete sulle tematiche che stanno a cuore ai giovani.

La loro vuole essere una sfida ai candidati alle vicine elezioni, che a pochi giorni dal voto non hanno ancora «affrontato il problema della disoccupazione giovanile e dell’aumento dell’emigrazione all’estero con proposte concrete». A chi si propone per il nuovo governo i giovani del gruppo chiedono l'impegno a varare politiche concrete su cinque punti: una riforma per gli stage, la facilitazione per l’accesso al credito, l’aumento degli investimenti per l’istruzione e la ricerca, riforme per i contratti di lavoro, e infine nuovi leggi per riformare il diritto di voto.

Chiedono politiche concrete capaci di contrastare i preoccupanti dati relativi alla condizione dei giovani italiani: a gennaio 2013 è stato calcolato che il 37 per cento di loro è senza lavoro e che oltre due milioni di under 40 sono emigrati all’estero solo dal 2010. La Sicilia, secondo i dati Aire, è la seconda regione con più espatriati nel 2010 e primatista nel decennio 2000-2010. Eppure, in questa campagna elettorale, «si é simbolicamente parlato dei giovani, senza nessun impegno specifico. Non c’é ancora nessun partito che tratta il tema dei giovani e del lavoro come prioritá di azione per il futuro governo», denunciano i promotori dell'appello. E lo fanno anche attraverso un video che accompagna la petizione. Uno sketch dal titolo I politici vogliono il voto dei giovani, in cui si sottolinea con ironia l’indifferenza dei politici - che vengono mostrati come ladri di voti - verso i giovani.

L'iniziativa - ci tengono a sottolinearlo - è apartitica, «perché il tema dei giovani va al di là di qualsiasi schieramento politico», spiegano. È possibile firmarla online sul sito change.org. I motivi? «Perché è necessario richiamare l'attenzione del mondo politico su noi giovani, perché siamo la categoria più colpita dalla crisi economica, perché l'Italia non può continuare a perdere un patrimonio umano inestimabile, perché noi giovani abbiamo il diritto e dovere di far sentire la nostra voce ed  essere ascoltati, perché vogliamo lavorare per un’Italia migliore», concludono i promotori.

[Foto di Giovani Italiani Bruxelles]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×