Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Viene arrestato, i vicini aggrediscono i carabinieri
Calci e pugni ai militari che ammanettano il pusher

Il fatto è avvenuto in via Pantelleria, a San Giovanni Galermo. L'attenzione dei carabinieri si era concentrata sull'abitazione del 37enne Pietro Masci: nell'appartemento è stato trovato un borsone con 70 grammi di cocaina e 50 dosi di marijuana

Redazione

Sembrava essere andato tutto in modo normale, per i carabinieri del nucleo radiomobile del comando provinciale di Catania: perquisizione, rinvenimento di droga, arresto. Finché non sono intervenuti familiari e vicini di casa dell'arrestato a prendere a calci e pugni i militari per scoraggiarne l'intervento. È successo nei giorni scorsi in via Pantelleria, a San Giovanni Galermo, dove le forze dell'ordine avevano notato movimenti sospetti attorno all'abitazione del 37enne Pietro Masci.

Mentre entravano nel palazzo, i carabinieri hanno notato un ragazzo con funzioni di vedetta che, appena visti i carabinieri, ha immediatamente chiuso una porta blindata che consentiva l'accesso all'abitazione, costringendo i carabinieri a circondare l'edificio e tentare l'accesso attraverso i balconi. A questo punto, Masci avrebbe permesso loro l'ingresso e la perquisizione: in un borsone nascosto nella stanza dei bambini, le forze dell'ordine hanno trovato 70 grammi di cocaina, 50 dosi di marijuana e 110 euro in contanti, oltre che una ricetrasmittente, un bilancino di precisione e soprattutto un block-notes nel quale erano annotate le compravendite.

A quel punto le manette si sono strette attorno ai polsi del 37enne. E sarebbe scattato altresì l'incitamento di quest'ultimo a parenti e vicini di casa affinché ostacolassero l'operazione dei militari. Tra gli aggressori i carabinieri hanno individuato anche il 32enne Mauro Maurizio Calabretta, che sarebbe stato tra i più agguerriti con calci e pugni. Due carabinieri sono stati refertati dai medici del pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi centro di piazza Santa Maria di Gesù dove, per due di essi è stata emessa una prognosi rispettivamente di sette e 30 giorni. I due arrestati sono stati portati nel carcere di Messina. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×