Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Villa Bellini, ingresso impedito a chi non ha la mascherina
Ordinanza di Pogliese contro norme di Conte e Musumeci

Il provvedimento è stato firmato ieri dal primo cittadino etneo, in difformità con il Dpcm del 26 aprile e la successiva ordinanza del presidente della Regione. Il governo ha previsto l'uso dei dispositivi di protezione soltanto nei luoghi pubblici al chiuso

Gabriele Patti

Un bambino corre sorridendo lasciando il papà qualche metro indietro, una coppia di amici fa jogging, qualcuno porta a spasso il cane al guinzaglio. C’è chi legge un libro e chi, invece, guarda un video sullo smartphone. Alla villa Bellini sembra una normale giornata di primavera, se non fosse per il nastro segnaletico che limita l’accesso alle aree giochi per bambini e ai percorsi del benessere. È l’inizio della fase 2. Sono le sette del mattino quando, dopo quasi due mesi di quarantena, il più grande polmone verde della città etnea apre i cancelli per dare la possibilità di prendere una boccata d’aria, ma nell’assoluto rispetto delle misure di contenimento del contagio. «Scusi è aperto?», domanda un giovane che vuole accedere al parco con al guinzaglio il proprio cane. «Sì - risponde un addetto alla vigilanza a presidio dell’ingresso di piazza Roma -, ma lei non può entrare perché non indossa guanti e mascherina». Il chiosco davanti alla villa è aperto. «Si può avere un caffè e un bicchiere d’acqua?», chiediamo. «Sì - risponde il titolare -, ma solo se non lo prendete qui. Posso darle anche un bicchiere d’acqua avvolto nella stagnola, ma non potete berla al banco». Chiuso, invece, il gazebo all’interno della villa.

Dei tre ingressi che danno accesso al giardino, solo due sono aperti: oltre a quello di piazza Roma, anche l’entrata di via Etnea è accessibile. Entrambi sono presidiati dagli agenti della polizia locale che limitano l’afflusso di runner e ciclisti verificando che tutti indossino le mascherine. «Finora non c’è stato alcun problema - spiega un agente a MeridioNews -, ci stiamo limitando a ricordare il rispetto delle norme a chi vuole accedere senza dispositivi di protezione, perché non tutti ne sono a conoscenza». Poca chiarezza e cattiva informazione sono, secondo la polizia locale, le cause del mancato rispetto delle disposizioni governative. «Anche perché - prosegue - all’interno del parco mascherine e guanti sono obbligatori, ma fuori no», conclude puntando il dito verso piazza Roma. 

Gli agenti fanno riferimento a una ordinanza di ieri del sindaco Salvo Pogliese, che disciplina l'accesso ai giardini pubblici comunali. «L'accesso è consentito purché vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie», si legge nell'ordinanza. Tuttavia, quella disposta dal primo cittadino etneo rappresenta una prescrizione non contemplata né dall'ultimo Dpcm del presidente  del Consiglio Giuseppe Conte, che prevede l'uso delle mascherine soltanto nei luoghi pubblici al chiuso, né dall'ordinanza regionale emessa da Nello Musumeci. A chiarire che i sindaci non possano prendere iniziative autonome in merito alla gestione dell'epidemia è stato peraltro il decreto legge n. 19 del 25 marzo. «I sindaci non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l'emergenza in contrasto con le misure statali, né eccedendo i limiti di oggetto cui al comma 1 (le misure concesse ai governatori delle Regioni, ndr)».

Intanto anche fuori dal parco la vita è ripartita. «Il bar Savia è aperto!», esclama un passante dall’altro lato della villa, proprio davanti all’ingresso di via Etnea. «Sì, ma solo per l’asporto», chiariscono. Poco più in là, in via Sant'Euplio, una lunga fila di persone attende il proprio turno davanti al banco dei pegni, con l’intento di vendere i ricordi di una vita «perché - ammette una signora in fila - stiamo morendo di fame e questa quarantena ci sta facendo scattiari». La situazione più calma così si registra alla villa Bellini, dove per ora non sono tanti gli ingressi. Di certo nessun assembramento si è formato. «Consideri, però, che oggi è comunque un giorno lavorativo», fa notare un agente.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews