Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Prove tecniche di fase 2 sui bus etnei: 23 in un mezzo per 11
Presidente Amt: «Situazione ingestibile e senza soluzione»

MeridioNews ha fatto un viaggio sul 2-5 da piazzale Sanzio. Alla fermata di corso Sicilia l'autobus si riempie. «Non possono salire, siamo già troppi», lamentano i passeggeri. «Se non aveste prenotato la discesa, non mi sarei fermata», risponde la conducente

Marta Silvestre

«Ma io non ho capito perché hanno messo tutti questi adesivi sui sedili e a terra». A chiederlo è una ragazza che avrà, a occhio e croce, una ventina d’anni. Prima di salire sull'autobus 2-5 a piazzale Sanzio, si è abbassata più volte la mascherina chirurgica per baciare il suo fidanzato. È lui a risponderle alla domanda: «Non è che con la fase due il coronavirus è sparito all’improvviso». Si siedono distanti, separati dal corridoio, nei posti dove non c’è il bollino giallo che indica di lasciarlo libero «per la sicurezza». Sulla fiancata del bus dell'Atm ci sono gli adesivi con le istruzioni per l'uso dei mezzi pubblici per la fase 2: possono salire al massimo undici passeggeri, con l'obbligo di indossare la mascherina e di rispettare la distanza di un metro.

 

Alle 11.45 si parte. L'autista è dall'altro lato della barricata che, nei fatti, è una catenina di plastica bianca e rossa. Fino a via Etnea va tutto liscio. È alla fermata di corso Sicilia che il bus comincia a riempirsi - compresa me siamo 16 - Tutte le persone hanno la mascherina, molte anche i guanti, ma le distanze di sicurezza non vengono rispettate. Qualche fermata dopo salgono altre sette persone. In tutto, adesso, siamo 23. «Loro non possono salire, siamo già troppi», lamentano diversi passeggeri. «Se qualcuno non avesse suonato per prenotare la discesa, non mi sarei fermata», risponde la conducente prima di procedere nella sua corsa. Attorno alla scritta “stai qui” e ai due piedi disegnati nell'adesivo per terra - nell'area solitamente riservata ai passeggini - ci stanno tre-quattro persone. Altre sono accalcate vicino alla porta centrale da cui si sale e si scende. A piazza Alcalà il mezzo si svuota

Molti dei passeggeri hanno in mano buste della spesa piene, altre raccontano al telefono le commissioni (ricarica, bollette) per cui sono uscite di casa. Ripartiamo da lì in 4. Per tutto il percorso del ritorno a bordo non ci sono mai più di sei persone. «Sono sul 2-5, mi sto ritirando», risponde una anziana al cellulare che, prima di parlare, si abbassa la mascherina chirurgica. Sul display a bordo dell'autobus scorre di continuo la scritta “prove tecniche”. Per l’Amt, in effetti, la fase 2 sembra essere ancora a quello step. 

«La situazione è ingestibile e, al momento, non c'è soluzione», ammette a MeridioNews il presidente di Amt Giacomo Bellavia che, già lo scorso 29 aprile, aveva mandato una lettera al prefetto Claudio Sammartino per sollevare le prevedibili criticità della fase 2 per il trasporto pubblico locale. «Il timore che lo scenario rappresentato possa provocare assembramenti alle fermate e all'interno dei bus - si legge nella nota che ha come destinatari anche il sindaco di Catania Salvo Pogliese e l'assessore alla Polizia municipale Alessandro Porto - è concreto e difficilmente affrontabile con i soli strumenti dell'azienda». A quanto pare, il timore dell'Amt era anche ben fondato

«Gli autisti da soli non riusciranno a fronteggiare la situazione - spiega Bellavia - In tutta Catania ci sono 1500 fermate e ci vorrebbe un presidio di tipo militare». Quello che c'è, invece, è il supporto dei vigili urbani e della protezione civile ma solo nei capolinea di piazza Borsellino e della stazione centrale. «Ai conducenti abbiamo impartito ordini di servizio non solo sul rigoroso rispetto del limite massimo dei passeggeri - sostiene il presidente di Amt - ma anche di fare scendere le persone fuori dalle fermate per evitare che, se il mezzo è già pieno, possano salirne delle altre».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews