Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il volto nuovo della storica Pescheria dopo il coronavirus
Transenne, mascherine e pochi clienti. «Impressionante»

Il mercato del pesce riapre con una nuova organizzazione. Alcune misure non sono semplici da applicare. «Ci dobbiamo abituare noi e i clienti», ammette un ambulante. Pure gli affari non vanno benissimo.«Sarà così finché non riaprono i locali». Guarda il video

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

«Signori, cortesemente, mantenete la distanza di sicurezza». La voce di uno degli operatori della protezione civile, amplificata da un megafono, lo ripete a intervalli di qualche minuto al massimo. «Il fatto è che proprio qui le persone non ci sono abituate». Il distanziamento sociale alla storica Pescheria di Catania, in effetti, non è mai stato di casa. «Prima di questo coronavirus non si poteva nemmeno alzare il gomito per quanto la gente era tutta ammassata, ora invece c'è una persona ogni tanto. Fa impressione», dice a MeridioNews un cliente abituale che questa mattina, nel giorno della riapertura dopo il lockdown, è stato uno dei primi a tornare a comprare «il merluzzo per i picciriddi e le seppie per noi». 

Decine di persone affacciate dall'inferriata che da sullo spiazzo ordinano il pesce direttamente da lì. Pulito e imbustato, per consegnarlo basta alzare il braccio e allungare la mano. Un modo, anche questo, per evitare assembramenti nell'area in cui sono stati sistemati i primi quaranta banchi. Dopo due mesi di chiusura, oggi la Pescheria ha riaperto ma con una organizzazione tutta nuova: di via Dusmet si usa solo una parte, gli altri stand sono sistemati in piazza Pardo e in piazza Alonzo di Benedetto

Il nastro di plastica bianco e rosso chiude i varchi da cui non è più possibile accedere. « Entrata», è scritto con un pennarello su un foglio di carta paglia appeso a una transenna. Lì davanti c'è un addetto alla vigilanza, come sulle scale del piazzale da cui adesso si esce soltanto. Nessuno conta quante persone entrano e quante escono. Nell'ordinanza, in realtà, sarebbe previsto anche «garantire il pari numero di persone in entrata e uscita e tramite conta persone; evitare che vi sia l’incrocio dei flussi in entrata e uscita nei varchi». In realtà, dal varco su via Dusmet c'è chi entra e chi esce. Nessuna transenna, nessuno che controlli.

«Questo primo giorno non è andato bene, rispetto a prima non c'è paragone», dice uno dei venditori che non ha perso la classica abitudine di vanniare. «La Pescheria assume un valore simbolico per la riapertura graduale della città», ha detto il sindaco Salvo Pogliese che, insieme all'assessore alle Attività produttive Ludovico Balsamo e alle organizzazioni degli ambulanti, ha messo a punto la nuova articolazione del mercato storico. Tutti gli ambulanti sono attrezzati con le mascherine (anche se molti le indossano abbassate sul mento), qualcuno ha le visiere, quasi tutti hanno anche i guanti. Come previsto dall'ordinanza sindacala, tra uno stand e l'altro c'è una distanza di oltre un metro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews