Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Trasporti, a Giarre la protesta degli autisti Buda e Sag
Diffida della Regione: possibile risoluzione del contratto

C'è chi da 18 mesi è senza stipendio, mentre diversi paesi della fascia ionica e pedemontana sono rimasti senza collegamenti in autobus. Oggi protesta non autorizzata dei dipendenti delle due ditte. «Siamo disperati e nelle mani della Regione»

Salvo Catalano

Ci sono 18 dipendenti che non prendono stipendi da mesi. Quelli messi peggio da oltre un anno e mezzo. Ci sono centinaia di persone dei paesi della fascia ionica e pedemontana rimasti senza la possibilità di spostarsi in autobus. La crisi della ditta Buda e Sag esplode stamattina in piazza Duomo a Giarre. «Dieci anni di promesse». «Rivogliamo la dignità dello stipendio», le frasi che campeggiano su due lenzuoli appesi alla cancellata della chiesa. 

Everisto è uno di quelli con più esperienza. «Da 27 anni faccio l'autista. Mia moglie non lavora, ma la famiglia deve andare avanti in qualche modo. Mi aiutano i parenti. Ho un mutuo che non sono riuscito a bloccare neanche adesso sotto emergenza Covid, perché non ero in regola con le rate». Insieme a lui oggi in piazza c'è un'altra dozzina di dipendenti. Le mascherine nascondono a stento rabbia e disperazione. Non è una protesta autorizzata, ma non crea nessun disagio. La circolazione stradale sulla statale 114 scorre regolare. Arrivano i carabinieri che fanno il loro lavoro: identificano i presenti, ma si limitano alle raccomandazioni. «Capiamo il vostro disagio, ma evitate di fare cazzate perché gli unici a soffrire ancora di più sareste voi e le vostre famiglie». 

Le ditte Buda e Sag collegano diversi paesi dell'hinterland. Alcune tratte - tra cui la Calatabiano-Catania, Riposto-Catania, Riposto-Calatabiano-Taormina, Riposto-Sant'Alfio - le fanno solo loro. Quindi al momento rimangono scoperte. La crisi va avanti da anni, nonostante i soldi che la Regione siciliana corrisponde alle imprese secondo contratto. Oltre agli autisti senza stipendi, ci sono diversi fornitori che attendono pagamenti, alcuni anche per decine di migliaia di euro. E si vocifera che qualcuno di questi sia interessato anche a entrare nella società di trasporti. «Ma sarebbe solo un modo per recuperare i debiti. E poi?», dicono i dipendenti preoccupati di cadere dalla padella alla brace. 

Solo pochi giorni fa, il 5 maggio, di fronte al precipitare della situazione, il dipartimento regionale delle Infrastrutture, a firma della dirigente Dora Piazza, ha inviato una diffida alle società, ricordando «la tardiva o mancata corresponsione» degli stipendi, e «le ripetute interruzioni di servizio di trasporto pubblico». Intimando quindi il pagamento, pena la risoluzione del contratto. Che per Buda e Sag significherebbe la definitiva fine. «La diffida, però, non contiene un limite temporale entro il quale la società è chiamata a rispondere - denuncia Sergio Crisafulli, del sindacato Faisa-Cisal - Non possono esserci tempi biblici».

«Siamo nelle mani della Regione», spiegano gli autisti. Che tra i possibili scenari, sperano che sia l'Ast, l'azienda partecipata dalla Regione, a subentrare a Buda nelle tratte interessate e a garantire i livelli occupazionali. Intanto la protesta continuerà e nelle prossime settimane potrebbe arrivare sotto i palazzi del potere a Palermo. Insieme ai dipendenti di altre società di trasporto in crisi, il prossimo appuntamento potrebbe essere davanti a Palazzo dei Normanni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews