Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fossa dei Leoni, droga anche dentro i biberon

Redazione

Nei giorni scorsi, su disposizione del questore Mario Della Cioppa, i poliziotti del commissariato Librino hanno effettuato controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di competenza con particolare riferimento al viale Grimaldi numero 10 (la cosidetta Fossa dei Leoni) e Villaggio Zia Lisa II. 

È stato posto a controllo un pluripregiudicato in materia di reati di spaccio di sostanze stupefacenti e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, C.F. (classe 1985) ed è stato accertato che, assieme all’intero nucleo familiare (quattro figli e la convivente), aveva occupato abusivamente un immobile dell’Istituto autonomo case popolari; di fatto, da qualche mese si era spostato di pianerottolo, trasferendosi al piano in cui abita la suocera e ciò «per motivi di comodità». 

Per tale motivo, il pregiudicato e la di lui convivente sono stati indagati in stato di libertà per il reato d’invasione di edificio pubblico. Si evidenzia che la condotta del pregiudicato ha anche leso il legittimo diritto al beneficio del nucleo familiare, che avrebbe avuto legalmente diritto, in base allo scorrimento della graduatoria, a detta abitazione che attendeva da lungo tempo. 

Nel medesimo edificio, incassato all’interno di un muro condominiale, è stato rinvenuto un pacco con all’interno 101 involucri di carta stagnola contenenti marijuana, due biberon con all’interno 35 involucri contenenti crack e dieci con all’interno cocaina, il tutto è stato sequestrato penalmente a carico di ignoti, in attesa di ulteriori accertamenti.

Durante le operazioni di polizia, sono stati identificati quattro soggetti che detenevano, per uso personale, del crack: per tale motivo, è stato loro contestato; la sostanza è stata sequestrata amministrativamente e, in qualità di assuntori di droga, a due è stata anche ritirata la patente di guida. Ulteriore fatto di rilievo riguarda il comportamento tenuto da I. A. S. (classe 1996), indagato in stato di libertà per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, il quale durante un controllo di polizia nei pressi di via della Capinera, ha inveito contro i poliziotti lamentandosi per i numerosi controlli della polizia di Stato nel quartiere.

All’interno del Villaggio Zia Lisa II, i poliziotti hanno sorpreso il pregiudicato G.R.D. (classe 1991) in possesso di numerosi dosi di marijuana e di crack; per tale motivo, lo stesso è stato indagato in stato di libertà per il reato di detenzione ai fine dello spaccio di sostanze stupefacenti; in più, è stato segnalato anche per la violazione dell’obbligo di dimora al quale era sottoposto, potendosi allontanare dal comune di Mirabella Imbaccari. 

In ultimo, una donna di 37 anni è stata indagata in stato di libertà per il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. Nello specifico, la stessa non ha consentito al padre di vedere il figlio. Durante l’attività di polizia sono stati identificati numerosi soggetti pluripregiudicati e i controlli, sempre più approfonditi e accurati, continueranno anche nei prossimi giorni.

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews