Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Due delfini spiaggiati sulla costa catanese in pochi giorni
Biologa marina: «Non conosciamo le cause della morte»

Due esemplari di Stenella striata, uno giovane e uno adulto. Entrambi non hanno segni esterni evidenti. «Possiamo escludere delle cose ma per accertare il motivo del decesso sarebbe servito l'intervento di un veterinario», dico a MeridioNews da Marecamp

Marta Silvestre

Foto di: Marecamp

Foto di: Marecamp

Due delfini spiaggiati morti sulla costa catanese nel giro di pochi giorni. «È vero che è un fenomeno non raro che, quindi, di per sé non deve allarmare - spiega a MeridioNews Clara Monaco, biologa marina dell'associazione Marecamp - Quello che è strano è che sia avvenuto due volte in un arco di tempo così limitato». In entrambi i casi, non è stato possibile definire le cause della morte dell'animale. «Speriamo non se ne verifichino altri a stretto giro perché, a quel punto, potrebbe essere preoccupante». 

Uno dei due esemplari di Stenella striata era un giovane «non più cucciolo, ma già indipendente», precisa l'esperta; il delfino ritrovato sul litorale catanese della Playa lo scorso venerdì era invece un adulto «che era già arrivato alla dimensione massima che può raggiungere quella specie, ovvero 2,20 metri di lunghezza». Nessuno dei due esemplari presentava dei particolari segni esterni che possano aiutare a identificare le cause che hanno portato alla morte. «Possiamo dire che non si è trattato di una collisione con una grande imbarcazione - evidenzia Monaco - e nemmeno di qualcosa dovuto alla pesca (ami, reti) ma non possiamo indicare quale sia stata la causa della morte perché in nessuno dei due casi è intervenuto un veterinario». 

È giovedì sera quando i volontari di Marecamp ricevono la segnalazione da uno studente. «Quando l'indomani siamo arrivati sulla spiaggia del Villaggio Paradiso degli Aranci, nei pressi della Riserva Naturale dell'Oasi del Simeto - racconta la biologa marina - la carcassa non si vedeva». Dopo una minuziosa perlustrazione due volontarie scorgono una parte della pinna pettorale destra che fuoriesce dalla sabbia. Il resto del corpo era stato nascosto, vicino al bagnasciuga, da una mareggiata

I volontari hanno avvisato la capitaneria di porto e l'istituto zooprofilattico. Sul posto sono arrivati anche gli operatori comunali che si occupano dello smaltimento della carcassa. «Sono stati loro a scavare attorno all'animale e a estrarlo dalla fossa per permetterci anche di fare delle foto e di rilevarne le biometrie - racconta Monaco - Senza l'intervento di un veterinario, però, non è stato possibile prelevare dei campioni per fare delle analisi di approfondimento su quanto accaduto». I dati raccolti dai volontari adesso saranno trasmessi al Centro studi cetacei e faranno parte della banca dati nazionale sugli spiaggiamenti di mammiferi marini

«Adesso che la stagione estiva è alle porte - sottolinea Monaco - ci teniamo a ricordare a tutti che, in caso di avvistamento di cetacei e tartarughe spiaggiate, si deve avvisare subito la guardia costiera (al numero 1530). È importante - aggiunge - non toccare gli animali in nessun caso per preservare sia noi che loro». Nemmeno se sono vivi. Tentare di riportali in acqua potrebbe non essere un bene. «Potrebbero avere subito dei traumi ed essere in difficoltà fino al punto di annegare. Mentre sono sulla spiaggia - conclude - è bene bagnarli ma accertandosi che abbiano lo sfiatatoio libero».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews