Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Una casa a Misterbianco come centrale dello spaccio
Undici arresti per droga e furti in abitazioni e negozi

Consegna a domicilio è il nome dell'operazione della guardia di finanza di Catania. L'indagine ha riguardato due sodalizi criminali ben organizzati: base logistica e ruoli precisi per ogni componente. Guarda il video e le foto

Redazione

Una casa a Misterbianco come centrale operativa dello spaccio, fornitori calabresi e palermitani, un gruppo in cui ogni componente ha un ruolo ben preciso e acquirenti da diverse zone della Sicilia. È questo il quadro emerso dall'indagine Consegna a domicilio della guardia di finanza di Catania che ha portato all'arresto di undici persone (dieci in carcere e una ai domiciliari) indagate a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti (principalmente cocaina e marijuana) e alla perpetrazione di furti aggravati anche in abitazioni

Il sodalizio criminale ruota intorno alla figura di Carmelo Russo (classe 1955) detto Turazzo. Sarebbe stata la sua la casa di Misterbianco usata come base logistica per la compravendita all'ingrosso e al dettaglio della droga e sede di incontri con pregiudicati e soggetti sottoposti a provvedimenti di sorveglianza speciale. Russo e il fratello Mario (classe 1972) - quest’ultimo già condannato per la sua appartenenza al clan mafioso dei Cursoti Milanesi - avrebbero mantenuto costanti relazioni con i fornitori (palermitani e calabresi) e con gli acquirenti (da Messina, Siracusa, Motta Sant’Anastasia nel Catanese e da Portopalo di Capopassero, nel Siracusano). 

Loro collaboratori sarebbero stati  Filadelfo Innao (classe 1957) e Cirino Giannetto (classe 1971) come addetti alla cassa comune del gruppo criminale e, quando necessario, anche nel ruolo di corrieri dello stupefacente; Emanuele Pavone (classe 1966) che si sarebbe occupato della fase di approvvigionamento degli stupefacenti e della vendita nel territorio messinese; Antonio Bevilacqua (classe 1974) e Antonio Pelle (classe 1986), entrambi reggini, sarebbero stati i fornitori stabili di cocaina della formazione criminale catanese. 

Carmelo Russo, detto Turazzo

Mario Russo

Filadelfo Innao

Cirino Giannetto

Emanuele Pavone

Antonio Bevilacqua

Antonio Pelle

Vito Danilo Caputo

Alfio Stancapiano

Pio Giuseppe Scardaci

Carmelo Motta

Intercettazioni telefoniche e ambientali hanno permesso alle fiamme gialle di procedere all'esecuzione di cinque arresti in flagranza di reato per spaccio di stupefacenti e furto in abitazione e al sequestro di 4,5 chili di marijuana . Nello specifico, l’indagine dei finanzieri del Gico di Catania è nata come sviluppo di un precedente procedimento penale che, nel gennaio 2016, aveva portato all’arresto in flagranza di reato di due persone trovate in possesso di cocaina e eroina, destinate a essere acquistate proprio dal sodalizio criminale.

Nel proseguo delle attività, i finanzieri hanno anche individuato un'altra associazione che, oltre a spacciare stupefacenti, si sarebbe specializzata in furti in abitazione e in esercizi commerciali con spaccata. A capo del gruppo ci sarebbero stati Vito Danilo Caputo (classe1989) e Pio Giuseppe Scardaci (classe 1986), insieme a loro avrebbero agito anche Alfio Stancapiano (classe 1994) e Carmelo Motta (classe 1985). I primi tre sono stati portati in carcere, il quarto ai domiciliari.

Nello specifico, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, gli indagati avrebbero agito secondo un collaudato metodo: dopo essersi impossessati delle chiavi dell’abitazione che il malcapitato lasciava incustodite in macchina - senza lasciare evidenti segni di effrazione -, si sarebbero poi recati nell’appartamento della vittima e avrebbero agito indisturbati. Tra i colpi messi a segno da gruppo criminale sono stati ricostruiti il furto di una Fiat Bravo a Lentini (in provincia di Siracusa); auto che poi sarebbe stata usata contro la vetrina di un negozio nel capoluogo aretuseo per impossessarsi di oltre 500 capi di abbigliamento del valore di circa 25mila euro

La stessa squadra avrebbe messo a segno anche il furto in un’abitazione di Belpasso (in provincia di Catania) riuscendo a portare via un bottino di gioielli dal valore di circa 1.500 euro e il furto in un appartamento a Cefalù (in provincia di Palermo) di gioielli e denaro contante per circa 80mila euro. Questi ultimi recuperati dalla guardia di finanza di Catania in occasione dell’arresto in flagranza di reato dei due responsabili.

Riceviamo e pubblichiamo dall'avvocato Salvatore Ganci, difensore di Carmelo Motta
Con provvedimento del 3.6.2020, il Tribunale del Riesame di Catania ha disposto l’immediata scarcerazione del sig. Motta Carmelo, arrestato in seno all’operazione Consegna a Domicilio. Il tribunale del Riesame ha escluso i gravi indizi di colpevolezza relativamente alla contestazione di associazione per delinquere e ritenuto l’insussistenza delle esigenze cautelari che avevano determinato la misura cautelare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×