Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, udienza per mafia e rifiuti slitta di un anno
Troppi imputati per garantire la sicurezza dentro l'aula

A Catania il processo Gorgoni è stato rinviato ad aprile 2021 perché alla sbarra ci sono più di sei persone. Tra cui politici, imprenditori e uomini dei clan che avrebbero tentato di gestire appalti milionari. A prevederlo è il protocollo del tribunale

Simone Olivelli

Troppi imputati, l'udienza è rinviata al 20 aprile 2021. Nelle aule dei tribunali gli effetti della fase due dell'emergenza Covid-19 tardano a farsi vedere. A Catania un processo per mafia e corruzione nel settore dei rifiuti slitta di quasi un anno. A deciderlo è stato il tribunale, richiamando le linee guida per la fissazione delle udienze pubblicate l'8 maggio e valide fino al 30 giugno, che prevedono l'impossibilità di trattare i processi dove figurano più di sei imputati e, dunque, un elevato rischio di contagio, pur mantenendo le porte chiuse.

È anche il caso del processo Gorgoni che, a novembre 2017, portò all'arresto di 16 persone accendendo i riflettori sulle strategie che i clan Cappello e Laudani avevano messo in atto per mettere le mani nella raccolta dei rifiuti a Misterbianco, Trecastagni e Aci Catena. Proprio nel centro dell'Acese, gli uomini di Massimiliano Salvo avrebbero portato avanti gli interessi della Ef Servizi Ecologici, la ditta di Vincenzo Guglielmino che si contendeva con la Senesi Spa di Rodolfo Briganti l'appalto settennale. Nell'operazione furono arrestati i due imprenditori, alcuni funzionari pubblici ma anche diversi esponenti legati alla criminalità organizzata catanese e dell'Acese. 

Tra loro c'era anche Lucio Pappalardo, ritenuto il reggente dei Laudani ad Aci Catena. L'uomo, che attualmente è in carcere e ha visto rigettata nei mesi scorsi un'istanza di scarcerazione, secondo la procura avrebbe fatto da intermediario tra il clan Cappello e l'amministrazione comunale di Aci Catena guidata dal sindaco Ascenzio Maesano, all'epoca sottoposto a misura cautelare perché coinvolto in un'altra storia di corruzione.

Nel corso dell'ultima udienza, tenutasi a fine febbraio quando il problema coronavirus sembrava sufficientemente lontano dalla Sicilia, è stato ricostruito uno dei viaggi che gli emissari di Salvo fecero ad Aci Platani per discutere con Pappalardo con l'intento, secondo la procura, di pretendere garanzie sull'efficacia delle pressioni sul primo cittadino catenoto. Richieste che, fino a quel momento, non avevano sortito effetto, dato che Maesano aveva continuato ad affidare - secondo la procura anche per via del rapporto corruttivo che si era creato tra Maesano e Briganti - il servizio di raccolta dei rifiuti alla Senesi, nell'attesa che la querelle giudiziaria tra le due imprese venisse risolta. Entrambe, infatti, in tempi diversi erano state raggiunte da interdittive antimafia.

Il nuovo atto del processo si sarebbe dovuto tenere questa mattina, ma l'impossibilità di garantire la sicurezza di imputati, avvocati e pubblici ministeri ha portato il tribunale a rimandare tutto all'anno prossimo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews