Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Covid-19, in piazza la protesta di negozianti e imprenditori
«Servono interventi immediati, si rischia il crollo totale»

Una protesta silenziosa si è tenuta stamattina in piazza Università. Duecento persone si sono riunite per manifestare contro il governo. Confcommercio: «Chiediamo misure immediate sulla defiscalizzazione e facile accesso ai finanziamenti»

Carmelo Lombardo

«Lo Stato ci vuole morti, ma io morirò da imprenditore libero». Non è soltanto un grido di allarme, ma è anche il titolo della manifestazione che stamane a piazza Università ha unito negozianti, imprenditori, pubblici esercenti e gestori di lidi di Catania e provincia. All’indomani della ripartenza dopo la chiusura dovuta al Covid-19, professionisti e commercianti si ritrovano a fare i conti con incertezze sul futuro e problemi burocratici per accedere agli ammortizzatori sociali messi a disposizione dal governo di Giuseppe Conte. 

Alla protesta hanno partecipato circa duecento persone che, sedute a due metri di distanza l’uno dall’altro, hanno occupato la piazza in silenzio. Ogni manifestante ha esposto un simbolo della propria categoria di appartenenza: chi con una maglietta da bagnino, altri con un piccolo ombrellone o con una giacca da cucina. L’iniziativa è durata quindici minuti e ha visto pure la partecipazione di Confcommercio Catania, Federazione Italiana Pubblici Esercizi di Catania (Fipe) e Sib (Sindacato italiano balneari).

«Oggi abbiamo voluto mostrare chiaramente tutti i danni che il governo ha causato ai nostri comparti. Ieri in molti sono ripartiti tra mille difficoltà e incertezze su come intervenire alla luce delle misure anti-contagio - afferma il presidente regionale di Fipe e vicepresidente di Confcommercio Dario Pistorio -. Abbiamo cercato di coinvolgere tutta l’area metropolitana di Catania, ma vogliamo sensibilizzare tutta la Sicilia e il Sud Italia affinché le nostre istanze arrivino a Roma». Alla protesta le associazioni hanno affiancato pure delle proposte, specie sul fronte della fiscalità e sull’agevolazione al credito. «Il credito di 25mila euro messo a disposizione dal governo attraverso le banche non basta - continua Pistorio -, ma soprattutto non possiamo fare i conti con la lunghissima burocrazia per avere questi finanziamenti. Circa il settanta per cento delle imprese non ha ancora percepito un euro». 

Sui possibili interventi sul fronte fiscale, Pistorio, a nome dei partecipanti, chiede uno sgravio delle tasse sulla retribuzione dei dipendenti: «Non vogliamo licenziare nessuno - sottolinea -. Sarebbe più efficace uno sgravio dei contributi sullo stipendio dei dipendenti per almeno un anno. Inoltre chiediamo pure di sospendere per un anno i contributi versati dagli imprenditori, per poi versarli alla fine dei nostri anni di servizio, prima di andare in pensione. Bisogna intervenire subito».

L’istanza adesso è arrivata al primo cittadino di Catania Salvo Pogliese. Toni meno duri nei confronti della Regione Siciliana. «Dobbiamo ammettere che siamo stati la prima regione d’Italia a istituire il protocollo sanità per i pubblici servizi. Certo, alcune linee guida devono essere un tantino più chiare, ma si è fatto un buon lavoro - conclude Pistorio - Non sappiamo se ci saranno altre iniziative come questa, ma crediamo fermamente nelle nostre istanze. Chiediamo un aiuto del governo senza incidere sulle casse dello Stato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews