Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corruzione Anas, condannati cinque funzionari infedeli
Dietro le mazzette i lavori fatti male e controlli carenti

L'inchiesta scattò a fine 2019 con una serie di blitz che portarono agli arresti di imprenditori e dipendenti pubblici. Oggi per sette è arrivato il via libera al patteggiamento. Condanne a quattro anni per i vertici del sistema

Redazione

Un giro di mazzette dietro i lavori di manutenzione delle strade fatti al risparmio. Per riassumere il giro d'affari gli investigatori avevano ribattezzato l'inchiesta Buche d'oro. Tangenti che secondo i magistrati oscillavano da un minimo di tremila euro e un massimo di 300mila euro. Passati otto mesi dal blitz, si è concluso il primo capitolo in tribunale. Il giudice per le indagini preliminari Luca Lorenzetti ha condannato per corruzione Riccardo Contino e Giuseppe Romano, 4 anni, Giorgio Gugliotta, 2 anni e 11 mesi, Giuseppe Panzica, tre anni e sei mesi, e Gaetano Trovato, 1 anno e 9 mesi. Tutti dipendenti del centro direzione Anas di Catania che, a eccezione di Trovato, restano ancora agli arresti domiciliari. 

Lo schema ricostruito dal nucleo di polizia economica finanziaria della Guardia di finanza etnea ha tolto il velo su un vero e proprio patto occulto tra funzionari pubblici e imprenditori. Con i secondi disposti a mettere mano al portafoglio per avere controlli scarsi, o nulli, sulla qualità dei lavori di manutenzione. Riuscendo così a operare indisturbati e in difformità rispetto ai capitolati d'appalto

Tra i condannati ci sono anche gli imprenditori Vincenzo Baiamonte e Vito D'Anna, per loro la pena è di due anni in accoglimento della richiesta di patteggiamento. La scorsa udienza il giudice aveva aveva stralciato la posizione di sette dei tredici imputati dopo avere ottenuto il via libera della procura che aveva dato parere favorevole sulle richieste di patteggiamento. Nel procedimento Anas si è costituita parte civile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews