Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, non c'è più maggioranza in Consiglio comunale
Vicesindaco: «Chi non è d'accordo, presenti la sfiducia»

La prima seduta a palazzo Alessi ai tempi del Covid-19 è stata infuocata. Dopo tre ore di discussione sull'approvazione dell'esercizio finanziario del 2018, Giuseppe Lo Presti ha proposto il rinvio. Al momento del voto, quasi tutta l'ex maggioranza era fuori dall'aula

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Seduta consiliare infuocata, la prima ai tempi del Covid-19, quella che è andata in scena martedì sera a palazzo Alessi a Paternò. Il consiglio comunale, che era stato convocato per l’approvazione del rendiconto della gestione per l’esercizio finanziario del 2018, è stata anche l'occasione per confermare che il sindaco Nino Naso non ha più la maggioranza in consiglio

Dopo oltre tre ore di discussione, infatti, l’opposizione ha detto sì alla proposta del consigliere di Diventerà Bellissima Giuseppe Lo Presti di rinviare la seduta di una settimana con l’obiettivo di avere chiarimenti su alcuni aspetti del rendiconto. Proposta passata con 13 voti favorevoli. Alcuni componenti della cosiddetta ex maggioranza, al momento del voto, si trovavano fuori dall’aula

Per l'approvazione del rendiconto, inoltre, la Regione ha nominato un commissario ad hoc: se il consiglio non si dovesse esprimere entro 30 giorni dalla convocazione dell’assise civica, decadrebbe e il rendiconto verrebbe approvato dal commissario. I chiarimenti chiesti da Lo Presti riguardano «il deficit strutturale» del bilancio determinato da diversi fattori, come evidenziato in una relazione dei revisori dei conti. «Il deficit strutturale - ha spiegato il consigliere - è la certificazione delle grosse difficoltà in cui si trovano le finanze pubbliche del comune. A nostro avviso - ha aggiunto - è necessario richiedere un'ulteriore integrazione di informazioni al collegio dei revisori dei conti». 

Il ministero dell’Economia fornisce otto parametri che, se rispettati, garantiscono che il rendiconto sia perfetto. Allo stato attuale, il comune di Paternò non ne rispetterebbe ben cinque, in particolare quelli che riguardano tutte le voci della spesa classica dell’ente pubblico: dal personale al ricorso della liquidità bancaria e alla difficoltà nel riscuotere le imposte. 

Sulla crisi della maggioranza, Lo Presti ha specificato che «è evidente che i cittadini non vogliono più questa amministrazione. È necessario che Naso faccia le giuste considerazioni». Duro anche il commento di Claudia Flammia del Movimento 5 stelle: «l'opposizione diventa maggioranza con un rapporto di 13 voti dell’opposizione a zero della maggioranza inesistente che abbandona l’aula al momento del rinvio». Fatta eccezione per il vicesindaco Ezio Mannino, primo cittadino e assessori erano tutti assenti perché «sanno che se questo bilancio non dovesse essere approvato - aggiunge la consigliera pentastellata - soltanto il consiglio andrebbe a casa, mentre il sindaco continuerebbe a governare con un commissario per i prossimi due anni». Consiglieri di maggioranza che hanno chiesto all'opposizione, ricorda Flammia, di «avere il coraggio di votare questo bilancio, come se non avessero governato per tre anni».

Il vicesindaco Ezio Mannino, senza negare le criticità, ha parlato di un rendiconto che «aveva il parere favorevole dei revisori dei conti. Tutti i consiglieri avevano il dovere di sentire le deduzioni presentate dall’ufficio». Sulla crisi della maggioranza, invece, Mannino specifica la necessità di fare chiarezza: «Chi non è d’accordo con l’azione amministrativa, lo faccia pubblicamente presentando la mozione di sfiducia nei confronti del sindaco. Non si resta nel limbo nell’attesa di un posto al sole», conclude il vicesindaco.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews