Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, chi sono i soci della nuova S.i.g.i. spa
Dal presidente del Licata agli appassionati di politica

La Sport Investment Group Italia, società costituita per provare ad acquistare la squadra etnea, ha all'interno undici realtà, tra cui cinque persone fisiche. I settori di interesse vanno dagli immobili agli spettacoli, passando per diversi ex candidati a varie elezioni

Dalla scuola calcio al Calcio Catania. Un salto ambizioso che accomuna tanti volti della nuova società che si propone di acquistare la squadra cittadina. Da Maurizio Pellegrino Antonio Paladino, passando per Carmelo Munzone e Sergio Arena. Da un lato l'asd Paideia, progetto multidisciplinare nato a settembre «per avviare i ragazzi allo sport» con squadre da formare l'anno successivo. Dall'altro una squadra un po' più complessa da mettere insieme, quella del capoluogo etneo, per il cui acquisto è stata costituita ieri la Sport Investment Group Italia (Sigi). Società per azioni, con sede legale al civico 90 di via Napoli, nella sede del commercialista Padalino. Un capitale sociale depositato di 55mila euro suddiviso tra 11 soci con quote uguali di cinquemila euro ciascuno. All'interno cinque persone fisiche e sei società private. 

Tra questi c'è la Ecogruppo Italia dell'imprenditore Angelo Maugeri, specializzato in certificazioni biologiche. Ex sponsor di maglia del Catania ed editore della testata giornalistica online FuturaPress, la stessa che si occupa dei rapporti con la stampa della nuova società interessata all'acquisto del club. Sempre tra i gruppi, la Sb Engineering, imprese edile di Stefania Baudo, imprenditrice originaria di Troina, in provincia di Enna. Baudo è anche tecnico di fiducia, in campo ingegneristico, del Licata Calcio per le operazioni di riqualificazione dello stadio cittadino.

Volto noto del mondo dello spettacolo, l'impresario Nuccio La Ferlita con la sua PuntoeaCapo. Si aggiungono il Consorzio In & Out, amministratore unico Giuseppe Ventura, la società si occupa di consulenza e servizi alle imprese. Completano il quadro dei privati il Consorzio Logatrans di Angela di Prima, e l'Investment Management Group Italia, specializzata in locazioni immobiliari ed entrambi con sede a Roma. 

Cinque i privati entrati tra i soci. Russo Antonino è il genero dell'imprenditore Arturo Magni della società di security World Service, ex storico responsabile del servizio di sicurezza allo stadio Angelo Massimino e tra i creditori del Calcio Catania. Tra i nomi più noti del panorama provinciale Nicola Le Mura, ex presidente dell'Associazione calcio Giarre, dall'estate scorsa è diventato il presidente del Licata Calcio in serie D. Appassionato di politica è stato candidato nel 2012 alle elezioni regionali con la lista Partito dei Siciliani-Mpa di Raffaele Lombardo. Prima aveva centrato il seggio al consiglio provinciale di Catania con il nuovo Psi. Responsabile area operativa di Seus 118, società pubblica del trasporto di emergenza e urgenza, è anche titolare di un'agenzia funebre con sede a Giarre, la sua città d'origine. 

Dall'inizio di questa vicenda compare il nome del commercialista Antonio Paladino. Nel 2012 il suo volto finì praticamente su tutti i giornali a causa di una doppia candidatura nella stessa tornata elettorale. Un cortocircuito dovuto alla pubblicazione dei santini, con uno slogan identico, prima con l'Udc, a sostegno del presidente Rosario Crocetta, e poi con il movimento Grande Sud per Gianfranco Micciché. Altri soci Sergio Santagati, broker della Remax Estates, agenzia immobiliare che a marzo 2019 ha aperto una nuova sede in via Etnea: a tagliare il nastro, il sindaco Salvo Pogliese.  Poi, il noto avvocato Giovanni Ferraù, nel 2005 candidato al Consiglio comunale con la lista di Forza Italia. Consulente dell'Irfis - istituto regionale di intermediazione finanziaria - e, tra le curiosità, membro dell'associazione Family Party, che si occupa di politiche sociali.  

Presidente del consiglio d'amministrazione Renato Balsamo, vicepresidente Sergio Arena, avvocato, e consigliere Carmelo Munzone. Quest'ultimo tra il 2010 e il 2011 è stato vice responsabile di sede di Sicilia E-Service Venture, socio privato della partecipata Sicilia E-Servizi specializzata nei servizi di informatizzazione della pubblica amministrazione regionale.

Tra coloro che andranno a comporre l'organigramma, in caso d'acquisto della società, alcune vecchie conoscenze del mondo del calcio. Maurizio Pellegrino, ultimo allenatore del Catania in serie A, indicato come general manager. Massimo Mauro e Vincenzo Guerini andranno all'area sportiva. Il primo, ex calciatore di Napoli e Juventus, è stato opinionista di Sky Sport. Il secondo invece ha guidato per due volte la panchina del Catania. Negli ultimi anni, per la Fiorentina, si è occupato dei rapporti tra la prima squadra e la società. Il resto dell'organigramma è composto da Fabio Pagliara, presidente; da Girolamo Di Fazio, vicepresidente; e dai due amministratori delegati Carmelo Munzone e Sergio Arena.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews