Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, gli effetti del Covid-19 sulle escursioni in montagna
Guide: «Siamo pronti, ma non ci sono turisti e visitatori»

Prenotazioni cancellate, perdite di oltre l'80 per cento rispetto allo scorso anno e prospettive di ripresa che sembrano lontane. L'idea del nuovo presidente del parco Carlo Caputo è «avviare una promozione di sentieri alternativi e meno conosciuti»

Foto di: Vincenzo Greco

Foto di: Vincenzo Greco

«Noi siamo pronti a ripartire ma manca la nostra materia prima, le persone». L'assenza che lamentano le guide naturalistiche e le guide vulcanologiche è quella di visitatori ed escursionisti sull'Etna. Gli effetti del coronavirus si fanno sentire anche ad alta quota. «Maggio non è agosto, ma è un periodo in cui comincia già l'alta stagione. L'anno scorso, di questi tempi - racconta a MeridioNews Vincenzo Greco, guida vulcanologica di Etna Nord - accompagnavamo già circa 180 persone al giorno a visitare il nostro vulcano, adesso siamo a zero». 

«Le stime di perdita sono di almeno l'80 per cento rispetto allo scorso anno - dice Greco preoccupato - con disdette di prenotazioni, fatte anche un anno fa, che continuano ad arrivare quotidianamente sulle nostre piattaforme online». Quello di montagna, a Catania, è un turismo soprattutto straniero: francesi al primo posto, ma anche belgi, tedeschi, americani, russi e, negli ultimi anni, gli olandesi in forte incremento. Adesso, tutto è bloccato e bisognerebbe agevolare un esotismo di prossimità. «Ho in mente di avviare una promozione di sentieri alternativi, magari meno conosciuti - annuncia a MeridioNews il nuovo presidente del parco dell'Etna Carlo Caputo - Potrebbe essere un'attrattiva in più in questa fase. Però, tutto ciò può avvenire a patto di sapere garantire la tutela di queste aree». 

Nei primi giorni di maggio, era stato il presidente della Regione Nello Musumeci ad annunciare che le escursioni sull'Etna erano pronte a riprendere: «Quello naturalistico è un segmento del turismo che può ripartire subito perché non prevede assembramenti e si svolge all'aperto». Una situazione che sarebbe perfettamente in linea con le misure previste per il contenimento del Covid-19. Eppure, «c'è stato un crollo totale, non abbiamo nessuna richiesta di prenotazione», spiega il segretario di Federescursionismo Sicilia Dario Teri. L'associazione di categoria ha anche preparato un vademecum per tutti i soci con le direttive a cui attenersi. Mascherine, gel igienizzante e distanza di sicurezza tra i componenti di uno stesso gruppo. «Al momento non le abbiamo potute applicare e, mancando turisti e visitatori, non credo che avremo modo di farlo a breve». La prospettiva di ripresa sembra lontana.

Qualche speranza, adesso, potrebbe arrivare dall'apertura dei confini regionali. «Non ci aspettiamo turisti stranieri, ma magari - auspica Teri - potrebbero venire italiani da altre Regioni (Calabria, Puglia, Campania)». Un po' come tutti gli attori del settore del turismo, anche le guide lamentano «la carenza di attenzione da parte delle istituzioni per la nostra categoria». Unica voce più ottimista sembra essere quella del presidente del Club alpino italiano (Cai) in Sicilia Francesco Lo Cascio. «Le attività riprenderanno e, probabilmente, si andrà verso gruppi fatti di numeri limitati. Credo - aggiunge - che ci sarà un grande afflusso  perché le montagne siciliane sono luoghi ambiti e terapeutici». 

Sui rifugi il quadro sembra complesso. «Sono il centro, il motore di tutto ciò che si muove attorno all'escursionismo, non solo un fatto simbolico - sottolinea Lo Cascio - Le restrizioni hanno dato un duro colpo economico ai gestori con il dimezzamento dei posti a disposizione». Un'altra cosa a cui prestare attenzione sarà il soccorso alpino. «In una situazione come quella attuale, in cui si cerca di limitare gli accessi negli ospedali, in montagna bisogna essere accorti. Fare una arrampicata, per esempio, comporta dei rischi. In ogni caso - conclude il presidente del Cai - faccio appello a tutti i siciliani a sviluppare la conoscenza dei luoghi della nostra terra». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews