Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il flop del Consiglio comunale in videoconferenza
Seduta sospesa: «Impossibile la diretta streaming»

Sarebbe dovuto essere il primo incontro dopo il lockdown. Sul canale Youtube che era stato indicato nessuna diretta. Dopo la comunicazione che si era spostato, «c'è stato un problema con la piattaforma», spiega a MeridioNews il presidente Castiglione

Marta Silvestre

Sarebbe dovuto essere il primo Consiglio comunale di Catania dopo tre mesi di blocco che è andato di pari passo al lockdown dovuto al nuovo coronavirus. E invece, alla fine, dopo quasi tre ore di attese e tentativi, non si è tenuto. «È stato sospeso e rinviato per impossibilità a mandare in onda la diretta streaming», fanno sapere a MeridioNews dall'ufficio stampa dell'ente comunale etneo. 

Era stato annunciato, due giorni fa, con un comunicato stampa ufficiale: «Consiglio comunale, giovedì 28 maggio alle ore 15 seduta in video conferenza». A convocarlo era stato il presidente Giuseppe Castiglione e all'ordine del giorno ci sarebbero dovute essere le sue comunicazioni e la relazione del sindaco Salvo Pogliese sull'emergenza Covid-19. Tutti presenti, ognuno a casa propria. 

«C'è stato un problema con la piattaforma - spiega a MeridioNews il presidente Castiglione - che è gestita da una società esterna con cui c'è un contratto che prevede che tutte le sedute siano online in diretta per le questioni dovute all'amministrazione trasparente». E, invece, la diretta non c'era. Nella prima comunicazione fatta dall'ente, tra l'altro erano state fornite anche le indicazioni per seguire questa riunione del civico consesso online: «sul canale YouTube del consiglio comunale - si legge con comunicato stampa con tanto di link al canale - a cui si accede anche dalla homepage del sito istituzionale». E, invece, no.

Dopo ore dall'appuntamento fissato per l'incontro dei consiglieri - che si sarebbero collegati ognuno con la modalità dello smartworking - sul canale della piattaforma multimediale, della diretta non c'è nemmeno l'ombra. «Abbiamo cambiato piattaforma», rispondono al telefono a questa testata dall'ufficio stampa del Comune. Intanto, sono passate quasi tre ore dal momento stabilito per l'inizio della seduta. Cambia la piattaforma ma la situazione resta sempre la stessa. «Stream unavailable», cioè non disponibile. Alla fine, la resa

«Ci sono rimasto malissimo, sono mortificato - commenta ancora Castiglione - e prenderò subito provvedimenti nei confronti della società che gestisce la piattaforma e ci aveva dato delle garanzie». Più di qualcosa, invece, non ha funzionato. «Non avremmo potuto andare avanti senza che tutti i cittadini potessero vedere in diretti i lavori del Consiglio - conclude il presidente - Al più preso convocheremo una nuova seduta». Nella speranza che sia buona la seconda.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×