Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Padre e figlio arrestati per gestione illecita di rifiuti

Redazione

Nella giornata di oggi, mediante l’app della polizia di Stato denominata Youpol, volta a garantire l’anonimato di chi civilmente segnala episodi di illegalità quali spaccio di droga, bullismo, violenza domestica e altro, i poliziotti del commissariato Librino sono intervenuti nel quartiere Pigno e, nella circostanza, hanno fatto accesso presso un terreno che, a dire della segnalazione anonima, era divenuto teatro di ampia illegalità. 

Effettivamente, a seguito di detto accesso e immediata attività investigativa, è stato accertato che il proprietario, un pluripregiudicato, vi ha realizzato senza alcuna concessione edilizia una villa con annesso terreno e vari manufatti abusivi e, fatto di rilievo, è che assieme al proprio figlio lo stesso vi ha anche allestito un’attività commerciale abusiva di raccolta e gestione di rifiuti speciali pericolosi (e non) quali pneumatici usati, batterie e altro materiale ferroso non bonificato con perdite d’olio nel terreno, con evidente danno ambientale. 

Inoltre è stato accertato anche il furto di energia elettrica e la presenza di animali la cui detenzione è vietata in quanto specie protetta (tartarughe neonate e adulte contenute in una vaschetta in plastica). I poliziotti hanno, inoltre, accertato che detto giovane è intestatario di una moto di grossa cilindrata, un’autovettura e sin anche di un immobile ove lo stesso aveva falsamente dichiarato di risiedere al fine di ottenere il reddito di cittadinanza, pari a circa 600 euro al mese (somma percepita già da un anno). Pertanto, gli investigatori si sono recati presso l’abitazione in argomento e, a conferma di quanto ipotizzato, vi hanno trovato gli inquilini che vivono in detto immobile da circa un anno, in nero. 

Alla luce di quanto accertato, il giovane è stato indagato in stato di libertà per i reati di truffa aggravata ai danni dello stato per il conseguimento di erogazione pubblica, detenzione illegale di animali di specie protetta e gestione illegale di rifiuti speciali; inoltre, è stato segnalato all’Inps per la decadenza immediata del reddito di cittadinanza e alla guardia di finanza, ufficio dell’entrate, per l’esercizio dell’attività commerciale in nero e per la locazione priva di contratto regolare. In relazione al padre, oltre a essere stato indagato per raccolta illecita di rifiuti speciali, l’uomo è stato deferito all’autorità giudiziaria anche per i reati di abuso edilizio mentre, la moglie, è stata deferita per furto aggravato di energia elettrica. Attesa la specificità della materia, sul posto sono intervenuti i carabinieri del reparto Cites e, infine, si è proceduto a sequestrare penalmente i rifiuti speciali pericolosi e le predette tartarughe, al fine di reinserirle in habitat naturale.

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews