Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maniace, gli affari del vigile urbano con la cocaina
Migliaia di euro al mese per mantenere la Porsche

I carabinieri hanno monitorato a lungo i movimento del poliziotto municipale Antonino Tilenni Dianni. A comprare da lui sarebbero state anche persone provenienti da altri paesi. Non è ancora chiaro quale fosse il suo canale di approvvigionamento

Marta Silvestre

Il paese è piccolo, la gente mormora. Nel comune del parco dei Nebrodi che si estende per circa di 37 chilometri e che conta poco più di 3700 abitanti, la voce di popolo girava da tempo. Ieri, dopo quasi un anno di indagini, i carabinieri di Randazzo hanno arrestato l'ispettore di polizia locale di Maniace, ancora in servizio, Antonino Tilenni Dianni per spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo lo scioglimento per mafia, il piccolo centro del Catanese torna al centro delle cronache con una vicenda che, però, con la decisione del ministero dell'Interno non avrebbe nulla a che vedere.

Il 62enne storico vigile urbano del paese (con il grado di istruttore di vigilanza) sarebbe stato un punto di riferimento nel territorio - dove da tempo non ci sono operazioni antidroga - per l'acquisto di cocaina. I sospetti degli inquirenti sarebbero nati soprattutto da un insolito via vai e da strani movimenti davanti casa sua o in luoghi comunque a lui riconducibili, come alcune zone di campagna. 

Un giro d'affari di diverse migliaia di euro al mese, che Tilenni Dianni sarebbe riuscito a racimolare vendendo la cocaina per cento euro al grammo. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, per i pagamenti non ci sarebbero mai stati problemi: gli acquirenti avrebbero sempre pagato sull'unghia. Spesso, come documentato dalle immagini delle telecamere installate in diverse zone individuate come aree di spaccio del vigile urbano, anche dal finestrino dell'auto ferma, per qualche secondo, nel luogo dell'appuntamento. 

Un meccanismo semplice ma rodato che, come mostrano i video registrati dagli occhi elettronici degli inquirenti, si ripeteva sempre uguale. L'appuntamento veniva fissato con una telefonata o un messaggio nei quali alla droga si faceva riferimento parlando di «caffé» o con altre parole in codice. Dal primo contatto all'appuntamento spesso passavano poche decine di minuti. Un'auto arrivava nel luogo stabilito per l'incontro - sotto casa o in una zona di campagna di Tilenni Dianni - e lì restava per pochi secondi: di mano in mano passano droga e soldi

Alcune cessioni di cocaina il vigile urbano le avrebbe fatte anche con indosso la divisa d'ordinanza (non ci sono prove di vendite di droga avvenute in servizio). Quel che è stato accertato durante le indagini è che l'ispettore sarebbe riuscito, nel tempo, a crearsi un bel giro di affari illeciti. Da lui gli acquirenti sarebbero andati a colpo sicuro. Non solo maniacesi, tra i clienti affezionati di Tilenni Dianni sarebbero stati individuati anche soggetti di Bronte. A destare i primi sospetti, infatti, sarebbe stato proprio l'arrivo di stranieri in paese. Quello che resta ancora da capire è da quale canale di approvvigionamento arrivasse la cocaina poi venduta dall'ispettore che con i ricavi illeciti sarebbe riuscito a comprare e mantenere anche una Porsche Macan adesso è stata sequestrata, vista la discrasia tra i redditi dichiarati e il valore dell'auto di lusso. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews