Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania, sempre più vicina la cessione del club
Finaria presenta la proposta di procedura competitiva

Il fallimento sembra allontanarsi ma il tribunale detta le regole per partecipare all'asta. L'unica offerta sul tavolo al momento resta quella di Sigi. Nella bozza di bando potrebbero esserci clausole particolari tra cui l'eventuale promozione

Unica Sport

Per il Calcio Catania il tempo delle trattative sembra essere finito da un pezzo. Tra polemiche e studio approfondito di carte e documenti che hanno catalizzato l’attenzione della città, il capitolo cessione del club ha conosciuto la scorsa notte una determinante accelerata. Dopo la tirata d’orecchie del Tribunale nei confronti di Finaria, con la pubblicazione di un inusuale comunicato stampa nel pomeriggio di ieri a firma del presidente Francesco Mannino, cui è seguito un decreto della sezione fallimentare, la stessa governance si è affrettata in serata a far pervenire in piazza Verga la documentazione richiesta.

Finaria ha così depositato al Tribunale di Catania l’istanza per il bando finalizzato all’apertura di una procedura competitiva. In termini meno giuridici, la documentazione inviata dalla holding di Nino Pulvirenti allontana lo spettro del fallimento e apre le porte al cambio di proprietà tanto auspicato dalla piazza catanese. Di contro il Tribunale, preso atto della proposta bando presentata da Finaria, detterà le regole di partecipazione all’asta.

È qui che entra in campo la Sigi spa, unico acquirente finora presentatosi concretamente per rilevare l’asset. L’unica offerta pervenuta sul tavolo è infatti quella della neonata società per azioni capeggiata da Fabio Pagliara e Maurizio Pellegrino. La base d’asta di un’ipotetica procedura competitiva farà riferimento alla cifra presentata da Sigi: 1.000.001 euro (proprio come sembra: un milione e un euro).

La procedura competitiva esclude dunque che Finaria mantenga la proprietà, ma soprattutto fissa un percorso ben definito: il bando detterà i prerequisiti per la partecipazione, l’apertura della data room a cui tutti i possibili soggetti interessati possono inserirsi presentando un’offerta che possa chiaramente contenere al suo interno un piano pluriennale di ristrutturazione debiti ed il naturale rilancio societario-sportivo. Infine, con tempistiche dettate esclusivamente dal Tribunale, l’apertura delle buste sancirà la migliore offerta, che sarà irrevocabile.

Considerate le trattative di questo genere, all'interno della bozza di bando potrebbero esserci anche delle clausole particolari che stabiliscono la rimodulazione del prezzo al verificarsi di particolari condizioni. Ad esempio, nel caso specifico, qualora la squadra accedesse alle serie B - e così acquisisse valore -, qualunque compratore sarebbe già avvisato di dover sborsare un'ulteriore cifra. Sempre tribunale permettendo.

di Giovanni D’Antoni e Marco Zappalà

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews