Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict, il rettore Antonino Recca si dimette
«Non esistono più le condizioni di serenità»

«Dimissioni irrevocabili dall'11 marzo». Ad annunciarle, con una email inviata stamani alla comunità accademica, è il magnifico uscente dell'università di Catania. Che lascia la poltrona numero uno di palazzo Centrale in anticipo rispetto alla scadenza del mandato, prevista per il 31 ottobre. Al suo posto si insedierà il neo-eletto Giacomo Pignatato. Fino ad allora, chiede al decano Mario Marino di assumere la conduzione dell'ateneo

Redazione

«Non esistono più, a mio parere, le condizioni di serenità per il completamento del mio secondo mandato di rettore fino a ottobre 2013. Pertanto, rassegno le dimissioni irrevocabili dalla carica con decorrenza 11 marzo 2013». A dirlo, con una lettera inviata alla comunità accademica, è il rettore dell'università di Catania Antonino Recca, che annuncia così di voler lasciare la poltrona di magnifico prima dell'insediamento, previsto per il primo novembre, del suo successore, il neo-eletto Giacomo Pignataro. «In attesa del decreto di nomina del nuovo rettore da parte del ministro - precisa il prof. Recca - chiedo al Decano dei professori ordinari, prof. Mario Marino, la cortesia di assumere la conduzione dell'ateneo», ringraziando tutti ed augurando al docente di Scienze della finanza che lo sostituirà a partire dal prossimo autunno «un proficuo e produttivo mandato. Saranno anni difficili ma se saremo uniti ce la faremo», conclude.

La decisione, precisa il magnifico uscente nella mail, è maturata «in seguito ad alcuni commenti rilasciati dopo l'elezione del nuovo rettore», più volte definita dalla comunità accademica un segnale di rottura con la precedente amministrazione. A pesare sulla scelta anche «le sedute di Senato e Cda del primo marzo». In particolare, durante quella del Senato accademico, come racconta il Coordinamento unico d'Ateneo sul blog Fuori dal coro (che più volte, dopo l'elezione del prof Pignataro aveva chiesto pubblicamente le dimissioni dell'attuale magnifico) il prof. Recca ha presentato due provvedimenti (uno relativo ad un «parere sul reclutamento docenti» e un altro su «l’approvazione di un’inedita commissione per la riforma dello Statuto»), entrambi approvati, ma su cui non sono mancati «scontri, contrarietà e astensioni», riporta il Cuda.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×