Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Montata una tenda all'assessorato ai Servizi sociali
«Restiamo qui finché non avremo risposte sui sussidi»

Sono tornati a manifestare in via Dusmet i cittadini esclusi dai Buoni spesa del Comune. Due donne hanno forzato il blocco davanti all'edificio per cercare di incontrare l'assessore Giuseppe Lombardo. Un poliziotto è rimasto ferito al polso. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

«Dove sono i soldi? Assessore bugiardo». Il messaggio scritto a caratteri cubitali su un lenzuolo bianco tenuto davanti al portone chiuso dell'assessorato ai Servizi sociali è diretto all'assessore Giuseppe Lombardo. A distanza di circa tre settimane dalla protesta delle pentole vuote, in via Dusmet sono tornati a manifestare una trentina cittadini che non hanno ancora ricevuto i Buoni spesa del Comune. «Dov'è l'assessore? La gente muore di fame e lui si nasconde?», chiedono i cittadini che da un funzionario del Comune si sentono rispondere che «gli uffici sono chiusi». Una protesta pacifica che sfocia, però, in qualcosa di più. 

Le strade adiacenti al palazzo sono circondate: due blindati della polizia, decine di agenti e anche uomini della Digos. Dopo qualche ora di attesa, due donne riescono a forzare il presidio all'ingresso dell'edificio e a dirigersi verso gli uffici. È in quei frangenti che un poliziotto sarebbe stato ferito al polso. L'obiettivo è arrivare all'assessore Lombardo. «Era stato lui, oramai quasi un mese fa - spiega a MeridioNews Simone Di Stefano del comitato Reddito-casa-lavoro - a prometterci che i soldi sarebbero arrivati entro le due settimane successive. Fino a oggi, però, non solo non è arrivato nulla ma gli uffici sono rimasti ancora chiusi al pubblico».

Mentre le due giovani donne girano per i corridoi di via Dusmet, in via Porta di ferro arrivano due blindati e tre poliziotti si posizionano davanti all’ingresso secondario dell’edificio. «Sta uscendo dal retro», vociferano i manifestanti riferendosi all’assessore che vorrebbero incontrare per avere delucidazioni «sul ritardo rispetto alle promesse fatte e non mantenute», sottolinea Di Stefano. L'incontro tra le due parti in causa, però, non avviene. «Non li incontro - risponde Lombardo a MeridioNews - perché questi signori hanno organizzato una sommossa e forzato un ingresso: comportamenti che non combaciano con le esigenze di chi ha bisogno». 

Un incontro, in effetti, c'era già stato qualche settimana fa con la promessa di aggiornamenti in tempi rapidi sulle erogazioni dei sussidi. «Stiamo slittando di una settimana perché si tratta di una procedura che richiede un confronto serrato con la Regione e con l'Anci», chiarisce Lombardo assicurando che «l'avviso verrà pubblicato entro una settimana». Intanto, i manifestanti hanno montato una tenda da campeggio nell'androne del palazzo di via Dusmet e non hanno nessuna intenzione di andare via finché non avranno ottenuto risposte chiare dall'assessore.  

Al centro delle richieste c'è la possibilità di usufruire di un sussidio di circa sei milioni di euro di fondi regionali di cui, però, solo due milioni sono arrivati nelle casse comunali. «Di questi - prosegue Di Stefano - non è stato stanziato neanche un euro e, nel frattempo, la gente muore di fame». L'assessore giustifica i tempi lenti parlando di «procedure macchinose e farraginose per cui ci vuole un po' di pazienza. Quella di oggi - conclude Lombardo - è una manifestazione eccessiva che serve solo ad alimentare tensioni in un momento in cui non è opportuno». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews