Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Blitz Camaleonte, il clan Cappello e i fanatici della mafia
«Donne strategiche». Tra gli arrestati pure Mario Strano

L'operazione della polizia ha decapitato tre gruppi autonomi riconducibili alla cosca. Le persone indagate sono 58, mentre a 44 è stato notificata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere. «Tra loro pure dei fanatici della mafia», dicono i pm

Dario De Luca

Fanatici di mafia, orgogliosi di fare parte dei clan e disposti a stare in trincea. L'ultima azione repressiva della procura di Catania ha colpito al cuore il clan Cappello-Bonaccorsi, organizzazione che da anni detta le regole nel panorama criminale del capoluogo etneo, riuscendo a mettere in secondo piano addirittura la famiglia mafiosa di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano. L'operazione, denominata Camaleonte, ha visto il coordinamento del Servizio centrale operativo e della direzione centrale anticrimine. Secondo quanto appreso da MeridioNews sono 58 le persone iscritte nel registro degli indagati. A 44 è stata notificata la misura cautelare in carcere mentre due sono finite agli arresti domiciliari. Sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, traffico di stupefacenti e ricettazione. 

Nel mirino il gruppo che fa riferimento al capomafia  Massimiliano Salvo, capeggiato, secondo la ricostruzione degli inquirenti, da Giovanni PantellaroSebastiano Nuccio BalboSalvatore Arcidiacono. Il riferimento dei Carattedi sarebbe stato Concetto Bonaccorsi mentre Mario Strano avrebbe diretto l'articolazione del clan Cappello nel rione di Monte Po. Proprio Strano è uno dei nomi più noti dell'operazione. «Un personaggio che cerca di cadere sempre in piedi», lo definisce in conferenza stampa il procuratore capo Carmelo Zuccaro. D'altronde Strano, conosciuto con l'appellativo di acchiana e scinni per i suoi trascorsi da rapinatore in trasferta, vanta il salto, insieme ai suoi tre fratelli, da Cosa nostra proprio al clan Capello. «Non è un fuoriuscito - continua il procuratore Zuccaro - ma una persona che ha cercato di creare un'alternativa ai Santapaola».

Insieme a Strano è finita in carcere la moglie Anna Russo, la sorella di quest'ultima, Giuseppina, insieme al marito Salvatore Culletta, detto Turi de polli, e al figlio Giuseppe. Dietro le sbarre pure Concetta Strano, figlia di Mario, e il compagno Luigi Scuderi. «Il ruolo delle donne in questa operazione risulta assolutamente strategico», spiega la magistrata Tiziana Laudani, titolare dell'inchiesta insieme alla collega Antonella Barrera e al procuratore aggiunto Ignazio Fonzo. In carcere infatti è finita pure Rosaria Alessandra Rapisarda, moglie del capomafia al 41bis Massimiliano Salvo. La donna, secondo la ricostruzione degli inquirenti, avrebbe consentito al marito di continuare a controllare il gruppo mafioso. 

Salvatore Pecora

Giovanni Pantellaro

Massimo Palazzo

Lorenzo Monaco (classe 88)

Salvatore Messina

Giuseppe Mannuccia

Massimiliano Lizzio

Giuseppe La Placa

Giuseppe La Greca

Davide Schillace

Luca Santoro

Fabio Santoro

Mario Santonocito

Vincenzo Salamone

Giuseppa Russo

Anna Russo

Carmine Romano

Rosaria Rapisarda

Concetto Di Maggio

Ferdinando Di Mauro

Alfredo Ferrera

Andrea Alessandro Fusto

Giovanni Geraci

Andrea Giuffrida

Giuseppe Grasso

Alfio Gresta

Alessia Grillo

Antonino Guardo

Luigi Scuderi

Giuseppe Sottile

Nicolò Sottile

Alfio Strano

Concetta Strano

Mario Strano

Goffredo Treccarichi

Orazio Sebastiano Tucci

Guido Vasta

Agatina Vitanza

Salvatore Culletta

Giuseppe Culletta

Michele Cuffari

Giovanni Crisafulli

Salvatore Castorina

Concetto Bonaccorsi

Fabio Berti

Sebastiano Nuccio Balbo

Salvatore Arcidiacono

Alfio Carmelo Anastasi

Il riferimento della donna erano i fratelli gemelli Fabio e Luca Santorogià finiti nei guai nell'inchiesta Gorgoni. A loro la moglie del capomafia avrebbe rivolto le lamentele per i mancati versamenti dei soldi ai detenuti. Salvo con l'esterno riusciva a comunicare anche attraverso l'invio di pizzini. Il 28 maggio 2017 un foglietto veniva letto in strada dai gemelli Santoro e poi bruciato. Un altro biglietto, uscito dal carcere di Bicocca, è stato recapitato sei ai Santoro: «Mi ha detto dacci un bacio a Luca e Fabio», dicevano.

L'affare principale dei clan sarebbe stato quello del traffico di droga, con un canale privilegiato con l'isola di Malta. Qui avrebbe operato Alfio Strano, ufficialmente addetto alle vendite di un supermercato. A ricostruire nomi e passaggi è stato il pentito Sebastiano Sardo, conosciuto come Iano occhiolino. Nell'elenco degli indagati compare pure il nome di Giovanni Crisafulli, u Tuccu; la sorella di quest'ultimo è la compagna di Sardo. «Portare via i soldi a questa gente è fondamentale», spiega Francesco Messina, catanese e direttore centrale Anticrimine della polizia, riferendosi al provvedimento di sequestro della società Sc Logistica srl, riconducibile a Mario Strano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews