Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena e il nodo gestione dei fondi per i bisognosi
Dubbi del sindacato Usb. Replica: «Tutto rendicontato»

Difficoltà di accesso agli aiuti e biscotti col marchio dell’Unione europea. Sono i quesiti lanciati dalla sigla dopo le segnalazioni. «Perché i soldi della comunità donati alla chiesa?» «Parrocchie conoscono le esigenze delle fasce bisognose», dice il sindaco

Carmelo Lombardo

«Il Comune di Aci Catena deve spiegare perché ha dato settemila euro alle parrocchie e in che modo viene gestita questa somma». A sollevare le perplessità a MeridioNews è Orazio Vasta dell'Unione sindacale di base. La federazione sindacale ha interpellato il sindaco Nello Oliveri, che il 19 giugno ha deciso di devolvere alle parrocchie della città e alla Chiesa della Divina Misericordia di San Nicolò l’intera somma del conto solidale acceso per l’emergenza epidemiologica. I quesiti di Usb sono arrivati dopo la segnalazione di un parrocchiano della chiesa Maria della Catena che, nei giorni scorsi, ha trovato un pacco di biscotti col marchio dell’Unione europea in una delle buste della spesa. 

«Ci chiediamo cosa ci faccia un pacco proveniente da aiuti umanitari nelle buste date ai bisognosi, considerato che le parrocchie hanno da poco ricevuto mille euro dall'ente – osserva Vasta -. Cosa ci fanno le parrocchie con questi soldi, se poi vengono dati i viveri donati dai volontari?». I dubbi di Usb riguardano anche l’accessibilità a questi aiuti. «Non tutti i bisognosi sono a conoscenza di ciò che mette a disposizione la chiesa – continua – molti non la frequentano, a prescindere dai motivi religiosi: come faranno a reperire questi aiuti?».

«Il pacco proveniva sicuramente dal nostro banco alimentare: qualcuno non lo ha voluto e lo ha riportato indietro – spiega il parroco -. Con i mille euro del Comune non possiamo accontentare tutti, così incrementiamo le buste di spesa e i viveri donati dai fedeli. Stiamo cercando il più possibile di venire incontro anche quelli che sono ai margini della parrocchia. Abbiamo già speso duecento euro. Potevamo pagare anche qualche bolletta, ma abbiamo deciso di donare solo viveri. Alla fine fattureremo tutta la spesa».

La questione del conto corrente solidale, ad Aci Catena, non ha mancato di scatenare polemiche: secondo alcuni cittadini sarebbe tardata ad arrivare la comunicazione su come spendere le somme. Non sono mancate nemmeno le polemiche da parte di alcuni consiglieri comunali, che hanno accusato il sindaco di non aver accolto la proposta di far gestire la somma all’ente.

«Ho operato seguendo quello che ritenevo più opportuno: in questo caso i parroci hanno più contatti possibili con le fasce più deboli delle loro parrocchie – dichiara Oliveri a MeridioNews –. Dopo aver elargito circa 270mila euro di buoni spesa attraverso i servizi sociali, non saprei chi meglio di loro può raggiungere i più bisognosi». Sulla possibile mancanza di trasparenza e difficoltà di accessibilità ai viveri il sindaco rassicura: «Ho chiesto espressamente che tutto venga rendicontato – conclude -. Gli aiuti sono rivolti a tutte le persone di qualsiasi fede, religiosi e non, si farà di tutto per non lasciare escluso nessuno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews