Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Affari della mafia: i trasporti su gomma della droga 
Utenze citofono, staffette e le automobili a noleggio

Da Barrafranca, provincia di Enna, a Catania. Gli inquirenti nelle carte dell'inchiesta Ultra sul boss Raffaele Bevilacqua ricostruiscono le trattative per la vendita dello stupefacente. In prima linea c'erano gli uomini del clan dei Cappello-Bonaccorsi

Dario De Luca

Foto di: Add Weed

Foto di: Add Weed

Si davano appuntamento quasi sempre nei pressi del chiosco bar Al cinquanta di corso Indipendenza (attività estranea all'inchiesta, ndr), un luogo strategico perché a due passi da piazza Risorgimento e dallo svincolo dell'asse attrezzato di Catania. Da un lato il barrese Andrea Ferreri e dall'altro i referenti del clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Nel cuore del capoluogo etneo si intavolavano trattative e consegne di droga da trasportare nella piccola Barrafranca, circa 13mila abitanti, regno del padrino di Cosa nostra Raffaele Bevilacqua. Questa è la ricostruzione dei carabinieri del reparto operativo speciale di Caltanissetta nelle carte dell'inchiesta Ultra che l'1 luglio ha portato a decine di arresti e a 54 persone iscritte nel registro degli indagati

Il traffico di droga, dopo una parentesi in Sicilia occidentale, avrebbe avuto nel canale catanese le sue fondamenta. Anche perché gli inquirenti, tra il 2018 e il 2019, ricostruiscono circa 20 incontri. Il più attivo sarebbe stato proprio Ferreri, definito «in rapporti con i figli di Bevilacqua e cognato di Luigi Fabio La Mattina». I primi contatti messi nero su bianco sono quelli con Mario Sciacca, considerato una sorta di intermediario, forte di una parentela eccellente: quella con il capomafia Giovanni Colombrita. C'è poi un canale diretto, emerso nel corso dell'inchiesta, con l'ex rapinatore Sebastiano Tasco.

I legami tra Ferreri e Tasco, non sempre sono sereni, e passano attraverso decine di messaggi Whatsapp acquisiti agli atti dell'inchiesta. Nelle conversazioni non si parla mai di droga ma di piastrelle o cani. «Vita volevo sapere se sei ancora interessato al chihuahua», «Andrea mia moglie si sta portando la testa per il cane» e ancora «Mi interessa il chihuahua... metà te lo posso pagare subito e metà a dieci giorni». Gli animali però in questa storia non c'entrerebbero nulla. Ad aprire un altro canale ci avrebbe pensato lo stesso Bevilacqua, l'avvocato ergastolano che beneficiava dei domiciliariDurante una conversazione in famiglia spiegava di avere trovato un contatto per il fedelissimo Salvatore Privitelli. L'8 gennaio 2019 gli inquirenti registrano un incontro, avvenuto in via Medaglie d'Oro. Tra i presenti spunta pure il fratello dell'ex consigliere comunale Riccardo Pellegrino: Gaetano Pellegrino, condannato nel processo Ippocampo in appello a nove anni per mafia, perché ritenuto tra gli uomini più fedeli del boss Nuccio Mazzei. Nell'inchiesta Ultra Pellegrino non è indagato ma poche settimane dopo quell'incontro, come raccontato da MeridioNews, si rese protagonista di un curioso sipario durante la processione della candelora degli Ortofrutticoli in occasione dei festeggiamenti di Sant'Agata

Lo schema seguito dal gruppo per il trasferimento della droga era ben consolidato. Gli spostamenti Catania-Barrafranca andavano sempre effettuati con almeno due macchine. Una con la funzione di staffetta per intercettare l'eventuale presenza di posti di blocco delle forze dell'ordine l'altra, invece, riempita di droga. Quest'ultimo mezzo, come accertato dagli inquirenti, spesso e volentieri veniva noleggiato dagli indagati nel capoluogo etneo così da essere «pulito». Ma a spostarsi con macchine affittate era anche Tasco, come avvenuto il 20 aprile 2019 durante una trasferta a bordo di una Fiat Panda destinazione Barrafranca, probabilmente per andare a riscuotere un credito

Le indagini hanno dimostrato anche il costante utilizzo delle cosiddette utenze citofono. Cioè numeri attivati appositamente per le comunicazioni tra acquirenti e venditori. Due le particolarità: le schede erano sempre intestate a cittadini stranieri ignari di tutto, di solito originari del Bangladesh, e facevano riferimento all'operatore Lycamobile. Il cellulare, inoltre, non era mai uno smartphone di ultima generazione ma degli apparecchi piccoli e maneggevoli. Il modello preferito? Il mini cellulare L8star grande quanto un normale accendino. Il 31 luglio 2019 le forze dell'ordine ne sequestrano uno proprio a Ferreri, controllato di ritorno a Barrafranca dopo una delle tante trasferte a Catania. In quell'occasione, l'affare non andò in porto e gli inquirenti, in una intercapedine vicino al sedile posteriore della sua Bmw, trovarono pure 26mila euro, divisi in dieci mazzette custodite in buste termo-sigillate. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews