Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, non passa la mozione di sfiducia per il sindaco
Insulti e provocazioni durante la seduta del Consiglio

Una riunione del civico consesso che è durata quasi sette ore per discutere della mozione di matrice pentastellata. Non è bastato il voto favorevole di dieci consiglieri comunali. Ora Nino Naso dovrà fare ricorso alla cosiddetta opposizione light

Salvatore Caruso

Il consiglio comunale di Paternò, dopo una seduta fiume durata quasi sette ore, non ha approvato la mozione di sfiducia per il sindaco Nino Naso. L'iniziativa di matrice pentastellata era stata sottoscritta da dieci consiglieri: Marco Gresta, Martina Ardizzone e Claudia Flammia del M5s; Anthony Distefano e Giuseppe Lo Presti di Diventerà Bellissima; Guido Condorelli e Emilia Sinatra di Paternò Unica - ex gruppo Forza Italia; Agata Marzola, Giuseppe Sciacca e Tuccio Paternò di Alleanza per Paternò. 

Sono stati proprio questi dieci consiglieri a votare sì alla mozione. Un numero che però non è bastato: per farla passare sarebbero stati necessari almeno altri cinque voti. Contro la sfiducia si sono espressi Salvo Tomasello, Rosanna Lauria, Barbara Conigliello, Filippo Sambataro, Giovanni Giangreco, Giuseppe Gentile, Tonino Cunsolo, Salvo Malerba, Luca Zingale (tutti considerati vicini al primo cittadino) e anche l’indipendente Roberto Faranda, ex componente della maggioranza poi fuoriuscito per degli screzi con il resto della compagine nasiana. Astenuta Patrizia Virgillito. Assenti Pippo Orfanò, Pietro Cirino e Ionella Rapisarda.  

I tre consiglieri del gruppo Alleanza per Paternò Agata Marzola, Giuseppe Sciacca e Tuccio Paternò hanno resistito alle pressioni provenienti dai vertici di Fratelli D’Italia che li avrebbero invitati a non votare la sfiducia. Gli esponenti politici vicini al partito di Giorgia Meloni e all’ex assessore Vito Rau, qualche mese fa hanno abbandonato la maggioranza per passare all’opposizione. I firmatari della sfiducia hanno elencato le manchevolezze dell’amministrazione Naso in tema di conti del Comune, viabilità, periferie, centro storico, riorganizzazione del personale, impianti sportivi. Il sindaco ha replicato con la lista di quanto fatto in questi tre anni puntando soprattutto sui lavori pubblici. Poi Naso ha esaminato la posizione di ogni proponente della mozione, utilizzando termini ed espressioni decisamente sopra le righe.

Una seduta che è stata costellata da discussioni accese condite da insulti, provocazioni, contestazioni, espressioni filosofiche provenienti dagli scranni sia della maggioranza che dell’opposizione. In ogni caso, quella di ieri sera è stata un'adunanza consiliare che ha anche sancito due fatti importanti: Nino Naso non ha in Consiglio comunale una maggioranza che possa definirsi tale. Per forza di cose, quindi, fino alla scadenza del suo mandato dovrà fare ricorso all’aiuto - probabilmente non gratuito - di quei consiglieri appartenenti alla cosiddetta opposizione light, cioè leggera. Altro elemento emerso durante la riunione del civico consesso è quello di una minoranza divisa non omogenea

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews