Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sidra, due consulenti per coordinare i legali esterni
Soldi pure alla società criticata per logo della Sicilia

La partecipata ha deciso di spendere 12mila euro per monitorare il lavoro degli avvocati che si occupano delle cause. Una delle nominate era stata candidata nella lista del sindaco Salvo Pogliese. Incarico anche per la realizzazione di una app 

Simone Olivelli

Sei mesi, prorogabili per lo stesso periodo, con il compito di «coordinare, controllare e verificare» l'attività degli avvocati esterni incaricati dalla società per le cause riguardanti il recupero crediti. In una parola, due consulenti per monitorare i consulenti. È questa l'ultima trovata di Sidra, la società partecipata del Comune di Catania che si occupa del servizio idrico e che, ormai da mesi, guarda fuori dai propri uffici per reclutare personale. Un uso così massiccio, e spesso ad appannaggio di professionisti di area centrodestra, che il presidente, l'ex parlamentare di Alleanza Nazionale Fabio Fatuzzoa inizio marzo era stato sentito in commissione Bilancio per chiarire, o almeno provarci, i contorni di certe scelte. Un nulla di fatto come quello di istituire una specifica commissione consiliare d'inchiesta, idea lanciata dalle opposizioni in Consiglio comunale. Intanto, nei mesi lo spartito è rimasto identico. 

A ricevere l'ultima nomina, compenso mille euro al mese per sei mesi, sono due avvocate: Graziella Russo e Maria Rita Currò. L'incarico, come emerge dai documenti, risale a giugno ma compare nella specifica sezione del sito web alla voce «patrocinio legale». In realtà, come già accennato, le professioniste si occuperanno di «controllare, coordinare e verificare» i colleghi indicati da Sidra. Currò è stata candidata alle ultime elezioni comunali con la lista Salvo Pogliese sindaco racimolando 323 preferenze, che però non le sono bastate per centrare lo scranno al senato cittadino.

Nelle ultime settimane - consulenze escluse - sono stati diversi gli avvocati che hanno ricevuto mandati di patrocinio legale. A tornare sono i nomi di Luca Scrofani e Gaetano Agosta, entrambi inseriti nel movimento politico Avanguardia, lo stesso del consigliere d'amministrazione di Sidra Dario Moscato, ed espressione del partito Fratelli d'Italia. La partecipata si era già affidata a loro tra gennaio e febbraio scorso. Adesso si aggiungono i nomi di Stephen Distefano, in passato responsabile gare d'appalto della Cisma ambiente di Siracusa, Giuseppe Cirrone, Simone Serpotta Angela Maria Manuela Cannizzo.

Le consulenze però non sono solo ad appannaggio dei singoli. Scorrendo l'elenco degli incarichi, compare anche quello alla società di marketing e comunicazione World 2.0 di Catania. L'azienda è la stessa che nelle scorse settimane era finita al centro delle critiche dopo avere realizzato il logo che la Regione Siciliana ha scelto per rilanciare la propria immagine dopo i terribili mesi della quarantena per la pandemia.  Un’immagine che per molti era troppo simile ad altre ma che il titolare della società, Antonio Carbone, aveva difeso sulle pagine di MeridioNews rimandando ai mittenti ogni sospetto di possibile plagio. 

Sidra adesso ha deciso di sborsare 12mila euro alla World 2.0. Obiettivo la realizzazione, entro 90 giorni, di una applicazione per gli smartphone per permettere la geolocalizzazione delle cinque case dell'acqua presenti in città. L'accordo, inoltre, prevede l'incarico di «consulenza per spot pubblicitari sulle tv locali, annunci all'interno di giornali, organizzazione di eventi con la presenza di testimonial, social media marketing su Instagram e Facebook e un progetto educativo per le scuole primarie». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews