Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La spazzatura diventa arte per attirare l'attenzione
«L'idea per sensibilizzare i catanesi e il Comune»

Davide Pezzillo realizza delle opere con dei cumuli di immondizia che trova in città. «Dopo avere vissuto a Granada, in Spagna, ho notato che in città il problema della spazzatura è fuori controllo», racconta a MeridioNews

Giorgia Lodato

Cumuli di spazzatura nei luoghi più frequentati di Catania. Ma, almeno in questo caso, per attirare l’attenzione su un problema: la mancanza di educazione civica e la sua conseguenza che equivale a una città invasa dalla munnizza. È la nuova idea del venticinquenne Davide Pezzillo, laureato all’accademia di Belle arti di Catania e soccorritore al parco avventura sull’Etna.

«Vado nei posti, vedo la spazzatura e la accumulo creando una struttura che attiri l’attenzione dei passanti», spiega a MeridioNews il giovane catanese che ha vissuto per un periodo a Granada, rendendosi così conto della grande differenza tra la città spagnola e la sua città. «Quando sono tornato mi sono reso conto che il problema della spazzatura a Catania è fuori controllo. E mentre spazzavo uno dei posti dove faccio arrampicata con il mio gruppo, ho pensato: “Cosa concludo così? Resterà pulito per un paio di giorni e poi tornerà come prima”. Ecco perché mi è venuta l’idea di fare qualcosa per dare ai catanesi e al Comune la consapevolezza di quanta sporcizia c’è e dell’indifferenza con cui viviamo questa situazione».

Ed effettivamente l’iniziativa non è passata inosservata. «Le persone notano la spazzatura, ma mi rendo conto che chi sporca è difficile da sensibilizzare. Ecco perché punto sul trasmettere il messaggio soprattutto al Comune, che dovrebbe in primo luogo educare il cittadino, e in secondo luogo punirlo se non rispetta le regole con delle multe che possano, alla lunga, scoraggiare chi ha il vizio di lasciare i propri rifiuti in giro». Una città sporca non è sicuramente un buon biglietto da visita per i turisti, che cominciano pian piano a tornare in città dopo i mesi di lockdown. «Sporchiamo i luoghi su cui invece dovremmo puntare maggiormente. Lavoro sull’Etna, al parco avventura, e trovare la spazzatura lì è come trovarla in Francia sulla Tour Eiffel. Semplicemente vergognoso e stupido».

E qui entra in gioco anche il lato artistico. «I rifiuti, accumulati acquistano nuova vita e un nuovo significato. E si fanno notare. In piazza Spirito Santo, per esempio, è partito l’applauso di un ragazzo, mentre al porticciolo di Ognina ho parlato con i pescatori, che si sono resi conto della situazione pessima». Anche al Borghetto Europa qualcuno si è fermato a scattare qualche foto, aspettandosi però che subito dopo Davide gettasse l’opera nei cestini. E invece no. «Li lascio lì perché devono essere visti da più persone possibili. Lì in mezzo c’è sushi decomposto, bottiglie di birra, cartoni di pizza, panini, buste di spazzatura abbandonate che le persone, consapevoli di sbagliare, nascondono in mezzo ai cespugli».

Dopo aver postato le foto sul suo profilo Facebook Davide ha ricevuto una decina di messaggi di supporto e aiuto, tra cui i ragazzi dell’associazione Atlas e la presidente di Legambiente Catania. «È bello perché senti di aver smosso la coscienza di qualcuno e per questo ho intenzione di continuare. Cominciando da piazza dei Martiri e magari dai Pini di Nicolosi. E se qualcuno vorrà aiutarmi bene, anche se voglio che passi il messaggio di quanto può fare la differenza una sola persona. Pensiamo se fossero cinquanta o cento».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews