Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Frode fondi pubblici, condanna a due anni per Labisi
All'istituto Lucia Mangano debito di oltre 10 milioni

Il gup di Catania ha condannato anche la moglie e la figlia dell'allora presidente del consiglio d'amministrazione della struttura a Sant'Agata Li Battiati. I due collaboratori coinvolti nell'inchiesta Giano bifronte sono stati rinviati a giudizio

Redazione

È stato condannato a due anni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata all'appropriazione indebita nella gestione dell'istituto medico psicopedagogico Lucia Mangano di Sant'Agata Li Battiati l'allora presidente del consiglio d'amministrazione Corrado Labisi. Il gup di Catania Oscar Biondi, con la stessa accusa, ha condannato anche la moglie di Labisi Maria Gallo a otto mesi e la figlia Francesca a sei mesi. 

Per l'accusa - che aveva chiesto la condanna a tre anni e quattro mesi per Labisi, a due anni e quattro mesi per la moglie e la figlia - Labisi avrebbe gestito i fondi erogati dalla Regione Siciliana e da altri enti per fini diversi dalle cure ai malati ospiti della struttura, distraendo somme in cassa e facendo lievitare le cifre riportate sugli estratti conti accesi per la gestione della clinica, tanto da raggiungere un debito di oltre 10 milioni di euro

L'accusa aveva chiesto. Gli altri due imputati Gaetano Consiglio e Giuseppe Cardì, entrambi collaboratori di Labisi sono stati rinviati a giudizio. La prima udienza del processo con il rito ordinario è stata fissata per il 6 aprile del 2021 davanti la prima sezione penale del tribunale di Catania. 

L'indagine della Direzione investigativa antimafia - denominata Giano bifronte - erano state coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro e dal sostituto Fabio Regolo. Secondo l'accusa, l'imprenditore «in qualità di capo e promotore, avrebbe distratto fondi dell'istituto». La moglie Maria e i due collaboratori si «mettevano a sua disposizione simulando il proprio rapporto di lavoro e con buste paghe nelle quali figuravano somme mai effettivamente percepite». Lo stesso avrebbe fatto anche la figlia Francesca che, inoltre, «violava i doveri derivanti dalla carica di consigliera». Questo, sostiene la Procura di Catania, avrebbe «permesso di giustificare le uscite indebite che rimanevano a disposizione di Labisi e non dell'istituto». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews