Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'artista russo-siculo che dipinge su pellicola ecologica
«L'opera è parte del paesaggio e lo spettatore è dentro»

Il 29enne Mikhail Albano è conosciuto come l'artista degli elefanti. L'animale è il soggetto che predilige «perché mi ci identifico». Dal porto alla villa Bellini fino al Lungomare, le sue istallazioni artistiche le dissemina in giro per Catania. Guarda le foto

Giorgia Lodato

A Catania è conosciuto come l’artista degli elefanti. Mikhail Albano ha 29 anni, è di origine russa ma è cresciuto a Leonforte (in provincia di Enna) e nella vita fa l’artista. Quadri, pitture a olio e istallazioni artistiche che rappresentano soprattutto l’elefante e che Mikhail dissemina in giro per la città per condividerle con i passanti. «Ho scelto questo animale perché è il simbolo di Catania - spiega l'artista a MeridioNews - Inoltre, ho studiato a lungo la sua simbologia e sento che mi rappresenta. Gli elefanti sono antichi totem e moderni emblemi di saggezza. Sono anche molto mansueti, per questo mi ci identifico molto».

Laureato all’Accademia di Belle Arti di Catania, indirizzo pittura, Mikhail non vuole perdere tempo con la burocrazia, inseguendo pratiche e permessi per fare murales. Ecco perché pensa a tutto lui e si attrezza con ciò che gli serve. «Porto il supporto da casa e realizzo le mie opere in loco, per regalare un’ora di arte e bellezza dal vivo alla gente.  Senza arrecare disturbo o sporcare i muri della città». Un’ora è il tempo che Mikhail impiega per realizzare le sue istallazioni. Opere temporanee che restano nella location prescelta non più di una settimana. «Lo faccio per invogliare la gente ad andare a vedere l’opera e a entrarci in contatto diretto prima che venga smontata. Non è come quando qualcuno guarda un quadro, in questo caso ogni spettatore è dentro l’opera».

Mikhail i suoi soggetti li crea sul momento, non progetta nulla ma prende ispirazione dal paesaggio che lo circonda. «Per le mie opere utilizzo una pellicola ecologica e biodegradabile e colori acrilici ecosostenibili», spiega l'artista che sceglie le location in base alla visibilità e al turismo. Più sono visitate, meglio è. «Ne ho fatta qualcuna al porto di Catania e altre alla villa Bellini. Per l’ultima, il pupo siciliano, ho scelto il lungomare, ma è durata meno del previsto». 

L'opera, infatti, è stata danneggiata dopo solo un giorno, ma Mikhail non se la prende più di tanto. «Un gruppo di passanti mi ha detto che sono stati dei ragazzini a rovinare l’opera. Non mi fa né caldo né freddo, come l’ho costruita una volta posso rifarla in qualsiasi momento. Non è un dramma». Intanto Mikhail adesso è al lavoro per allestire una mostra personale a Catania che, causa Covid-19, è slittata. «Mi piace dire che dipingo le mie opere con i colori dell’anima, che metaforicamente assimilo a un pianoforte con molte corde che l’artista sa fare vibrare». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews