Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parco Gioeni, tra abbandono e occasioni sprecate
Acquedotto romano? «Impossibile portarci i turisti»

Inaugurato durante il secondo mandato del sindaco Enzo Bianco, è spesso preda dei vandali. All'interno le fontanelle sono a secco e gli incendi, in estate, sono una costante. «Il Comune dovrebbe fare qualcosa», dice la presidente di Legambiente Viola Sorbello

Dario De Luca

Di verde al parco Gioeni non è rimasto praticamente nulla. Il polmone naturale, il più grande della città, ormai da anni versa in uno stato di abbandono. I problemi sono praticamente sempre gli stessi ma nessuno riesce a trovare una soluzione definitiva che possa trasformare l'area in un parco sul modello delle grandi città europee. Luoghi, per esempio, dove passeggiare o fare giocare i bambini.

Non appena si supera l'ingresso da via Angelo Musco ad accogliere i visitatori ci sono i cestini pieni di rifiuti, bottiglie e lattine sparse nei viali, una fontana non funzionante e due panchine, praticamente distrutte, in mezzo all'erba alta. A dire il vero, nella maggior parte del parco è stata tagliata ma non raccolta. Particolare che ripropone lo scenario già vissuto lo scorso anno quando, il 21 agosto, un rogo danneggiò diversi punti con della vegetazione. E qualche cartolina dell'incendio 2019 rimane anche oggi, con dei rami anneriti lasciati abbandonati a terra. I più assidui frequentatori - oltre ai vandali - sono i proprietari dei cani. Qualcuno prova anche a correre tra viali e fontanelle asciutte. 

Nel 2015 Fabio Pagliara, oggi segretario della federazione di atletica leggera italiana e in passato consulente dell'ex sindaco Enzo Bianco, aveva lanciato l'idea di trasformare il parco in un centro sportivo gratuito a chilometro zeroMa il progetto è rimasto confinato a un post su Facebook e a un dibattito social durato qualche giorno. Oltre allo sport, il parco offrirebbe pure la possibilità di essere sfruttato a fini turistici. All'interno c'è infatti una parte dell'antico acquedotto romano di Catania. Un'opera straordinaria che, però, è in parte diroccata e quasi nascosta tra le erbacce. 

«Il Comune dovrebbe fare qualcosa ma in modo serio», commenta a MeridioNews Viola Sorbello, la presidente di Legambiente Catania. L'associazione periodicamente si occupa di pulire la zona e di organizzare delle iniziative per la piantumazione di alberi. «L'ultima volta - racconta Sorbello - abbiamo anche rimosso dei materassi e dei rifiuti ingombranti. Delle vere e proprie micro-discariche». Altro capitolo è quello che riguarda alcune strane frequentazioni. In passato, per esempio, più volte è stata segnalata la presenza di tossicodipendenti. Adesso, a quanto pare, può capitare di incontrare single in cerca di qualche avventura

Ma cosa si potrebbe fare, in concreto, per cambiare rotta? «Trovare dei fondi, magari provenienti dall'Unione europea - continua la presidente di Legambiente - per risistemare il verde e l'acquedotto romano. Noi siamo anche favorevoli all'organizzazione di eventi, magari alleggerendo quelli alla villa Bellini, che è un giardino storico. Dentro, inoltre, si potrebbero dare in concessione le varie strutture e magari realizzare un chiosco, o una attività di ristorazione, con una connotazione etica». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews