Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Illegal duty, il verdetto del processo sul clan Scalisi
Tra gli imputati in Appello anche il pentito Amoroso

Al centro dell'inchiesta la cosca di Adrano che sarebbe stata diretta Giuseppe Scarvaglieri. A beneficiare di uno sconto di pena il pentito Nicola Amoroso. Venne rintracciato nei pressi di Francoforte, in Germania, dopo una breve latitanza

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Si facevano pagare in denaro ma anche in natura. Sono boss e gregari del clan Scalisi di Adrano, alleati alla cosca mafiosa dei Laudani di San Giovanni La Punta e Catania. Tra le principali occupazioni ci sarebbero state le estorsioni. Un controllo praticamente militare del territorio con tariffe variabili in base alle disponibilità dei taglieggiati. Gli stessi che non si sono mai presentati dalle forze dell'ordine per denunciare vessazioni e intimidazioni. Alla fine il blitz della squadra mobile di Catania e del commissariato di Adrano scattò e venne ribattezzato Illegal duty. Nell'indagine la procura etnea ricostruì 22 episodi di estorsione, due rapine a mano armata e alcuni furti in abitazione ma anche danneggiamenti e un tentato omicidio. 

Al vertice della cosca ci sarebbe stato Giuseppe Scarvaglieri detto Pippo 'u zoppu, ritenuto dagli inquirenti vicino al gruppo dei Laudani di Paternò. Tra gli organizzatori vennero indicati Pietro e Giuseppe Maccarrone, Carmelo Scafidi, Pietro Severino, Vincenzo Biondi e Alfredo Mannino. Passato il processo di primo grado con rito abbreviato - conclusosi con una raffica di condanne a settembre 2018 - adesso è stata la volta dell'Appello. Oggi la lettura del dispositivo con le pene più pesanti inflitte ad Alfredo Mannino e Vincenzo Biondi, rispettivamente a 18 anni e 18 anni e 4 mesi. 

A ritagliarsi in questa vicenda un ruolo decisivo sono stati i collaboratori di giustizia. A due di loro, Gaetano Di Marco e Giuseppe Liotta, si sono aggiunti negli anni Vincenzo Pellegriti e Nicola Amoroso. A quest'ultimo i giudici della corte d'appello hanno riconosciuto le circostanze attenuanti generiche e la pena scende da 16 anni e 8 mesi a 10 anni e 6 mesi. Attorno alla figura di Amoroso è legato un aneddoto relativo al suo arresto. Avvenuto con dieci mesi di ritardo - maggio 2018 - perché rintracciato in Germania. Con il processo d'appello per molti degli imputati è caduta l'aggravante dell'articolo 7 relativa all'accusa di avere favorito la mafia. Unico assolto, difeso dall'avvocato Sergio Ziccone, Nicola Santangelo, conosciuto con l'appellativo di Cola a 'niura.

L'esito del processo:
Vincenzo Pellegriti, 8 anni e 8 mesi
Angelo Calamato, 5 anni e 4 mesi
Nicola Amoroso, 10 anni e 6 mesi
Antonino Furnari, 12 anni e 6 mesi
Antoinino Leanza, 7 anni
Alfredo Pinzone, 4 anni e mille euro di multa
Alfio Lo Curlo, sei anni 
Vincenzo Biondi, 18 anni e 4 mesi
Alfredo Mannino, 18 anni
Giuseppe Mannino, 11 anni e 1 mese
Agatino Perni, 5 anni e duemila euro di multa
Vincenzo Valastro, 12 anni
Pietro Castro, 6 anni
Sebastiano Salicola, 8 anni
Giuseppe Sinatra, 8 anni e 8 mesi
Salvatore Di Primo, 6 anni e 8 mesi
Pietro Giuseppe Lucifora, 8 anni e 4 mesi
Mauro Giuliano Salamone, 6 anni
Pietro Maccarrone, 6 anni e 8 mesi
Gaetano Di Marco, 7 anni e 8 mesi
Nicola Santangelo, assolto per non avere commesso il fatto
Biagio Mannino, 1 anno e 6 mesi
Salvatore Severino, 1 anno e 10 mesi
Claudio Zermo, 5 anni e 4 mesi
Giuseppe Maccarrone, 11 anni e 4 mesi

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×