Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Immobile vandalizzato e paralizzato dalla burocrazia 
Ebbene: «Spreco enorme, un danno per le famiglie»

La struttura risulta occupata. Avrebbe dovuto essere un alloggio di transizione, dopo l'assegnazione dell'Iacp alla fondazione. «Chi doveva vigilare è rimasto inerme», dice il presidente Edoardo Barbarossa a MeridioNews. Danni per 300mila euro. Guarda le foto

Marta Silvestre

«A Catania, i beni pubblici vengono vandalizzati nell'immobilismo della burocrazia». L'amara considerazione arriva dalla fondazione Ebbene, l'organizzazione che da anni lavora in sostegno delle persone più fragili anche per offrire soluzioni abitative. Nel capoluogo etneo, in particolare, attraverso il progetto Habito, sostenuto da fondi Pon, che prevede la messa a disposizione di alcune case (come alloggi di transizione) per famiglie che hanno bisogno di un percorso di inclusione, inserimento sociale e autonomia. Tra questi immobili ce n'è uno, però, che è rimasto non consegnato. E che, a quanto risulta, adesso sarebbe stato anche occupato abusivamente.

L’Istituto autonomo delle case popolari di Catania pubblica un bando per assegnare immobili a canone calmierato. Tra questi c'è anche quello al civico 17 di via Eredia (sulla circonvallazione in zona Nesima). Un affitto di 4.800 euro al mese per una struttura su due piani con sette camere molto grandi con bagni e angolo cottura sopra e sotto una enorme sala. È il 31 marzo quando la fondazione Ebbene invia la propria manifestazione di interesse. «Abbiamo immaginato di poterla utilizzare per accompagnare tante famiglie nella costruzione delle loro vite», spiega a MeridioNews il presidente Edoardo Barbarossa

Prima della presentazione dell’offerta, da un sopralluogo fatto insieme ai tecnici dell’Istituto si evidenzia non solo un’effrazione ma anche un primo danneggiamento dell’immobile. «Subito abbiamo chiesto che la struttura venisse messa in sicurezza per evitare il peggio», dice Barbarossa. Dall'Iacp si impegnano a mettere in atto provvedimenti di tutela del bene. Intanto, il 7 maggio, l'Iacp rende noto che Ebbene è assegnataria dell'alloggio. Ed è durante un nuovo sopralluogo - dell'indomani - per la consegna della stipula del contratto che l’immobile appare ancora più vandalizzato di prima. 

Nella struttura che è stata prima sede di una municipalità e poi una casa di riposo per anziani, «i danni erano decuplicati - sottolinea il presidente di Ebbene - Quindi abbiamo deciso di non farci consegnare l'immobile ma di proporre all’Iacp di assegnare un valore alle opere di ripristino, che avremmo effettuato a nostre spese a scomputo dai canoni di locazione. Questo - sottolinea Barbarossa - per evitare l’ulteriore prevedibile danneggiamento e conseguente depauperamento di un bene pubblico». 

Del resto, il danno era già considerevole: sanitari smontati, ascensore divelto, porte scardinate, fili delle rete elettrica tagliati. Danneggiamenti che trasformati in cifre si aggirano tra i 50mila e i 60mila euro per l’interno e tra i 15mila e i 20mila euro per l’area esterna. «Su richiesta dell’Iacp, e a nostre spese - dicono dalla fondazione - abbiamo fornito un computo metrico (inviato lo scorso 3 luglio) sullo stato dei luoghi e sui lavori necessari al ripristino, intanto lievitati a poco meno di 300mila euro perché, non essendo stato predisposta nessuna misura di sicurezza, i vandali si erano ripresentati». 

Intanto i mesi passano, quella grande struttura resta vuota e le persone restano senza un tetto sopra la testa. «Abbiamo sollecitato, con una nota ufficiale inviata all’Iacp e rimasta senza risposta, la consegna dell’immobile immediatamente fruibile - spiegano da Ebbene - La struttura, però, è stata talmente vandalizzata da non avere più le forze per ristrutturarlo». Uno spreco che pare ancora più grave in una città che si ritrova continuamente a fare i conti con un'importante emergenza abitativa. «Chi doveva vigilare e agire, nonostante fosse stato sollecitato sul pericolo di un’irrimediabile distruzione di quei luoghi, è rimasto inerme provocando un danno enorme - dicono dalla fondazione - per le famiglie che avrebbero potuto, in quelle case, riprendere la propria vita; per l’erario che vede un proprio bene distrutto e anche per noi che abbiamo già investito in questo progetto». 

MeridioNews ha provato più volte, ma senza successo e al fine di ottenere una replica, a mettersi in contatto con la persona che ha seguito la pratica per conto dell'Istituto autonomo case popolari di Catania.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews