Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Morto Maina: una vita da cerimoniere di S.Agata
Dai racconti a processo fino alla candelora d'oro

Era ricoverato in gravi condizioni. A fargli visita il sindaco di Catania Salvo Pogliese. Dipendente del Comune dal 1957 per tutti era «l'eterno Maina». Ha accompagnato a visitare il tesoro della patrona Giovanni Paolo II e quattro presidenti della Repubblica

Dario De Luca

Foto di: F. Raciti

Foto di: F. Raciti

Luigi Maina è morto questa sera a 89 anni. È stato, dal 1983, cerimoniere del Comune di Catania, ente da cui venne assunto nel 1957. Il suo nome però è legato in maniera indissolubile con la festa di Sant'Agata, la patrona del capoluogo etneo. Tanto da ricevere la prestigiosa candelora d'oro nel 2013 per mano dell'allora sindaco Raffaele Stancanelli. Per tutti era «l'eterno Marina». Esile di corporatura, sguardo severo, misurava le parole ed era sempre presente in tutti i momenti fondamentali dei festeggiamenti. La sua è stata una vita di riconoscimenti ed encomi: nel 1990 veniva nominato Cavaliere della Repubblica, due anni dopo commendatore al merito, mentre il 2 giugno 2000 grande ufficiale della Repubblica italiana

Durante la sua carriera da cerimoniere ha accompagnato a vistare il tesoro di Sant'Agata diversi presidenti della Repubblica: Francesco Cossiga, Carlo Azeglio Ciampi, Oscar Luigi Scalfaro e Giorgio Napolitano. Tra i personaggi c'è anche Papa Giovanni Paolo II, durante la storica visita dal 4 novembre 1994. Occasione, quest'ultima, in cui il Santo padre invitò i catanesi a «stare in piedi per vincere il male con il bene». Maina questa mattina ha ricevuto la visita, all'ospedale San Marco, del sindaco di Catania Salvo Pogliese. Le sue condizioni, già gravi, non facevano sperare bene. Il 2 agosto prossimo il cerimoniere avrebbe compiuto 90 anni. 

La figura di Maina, che alla città donò pure una preziosa miniatura di Sant'Agata, è legata anche al processo sulle presunte infiltrazioni mafiose nei festeggiamenti agatini. Una storia controversa, passata da due processi, che hanno portato il commendatore sul banco dei testimoni. In quella occasione raccontò diversi aneddoti. «Mi ricordo - spiegava al giudice Michele Fichera - che in un’occasione, una fermata della processione fu causata da dei fuochi sparati a metà tratto di via Vittorio Emanuele, ricompreso tra l’incrocio di via Plebiscito e via Risorgimento. In quella occasione io chiesi di questa lunga esplosione di fuochi e mi venne risposto che lì abitavano i Mangion e che forse qualcuno di loro era appena uscito dal carcere». Maina ha anche ammesso le pericolose frequentazioni, di alcuni pezzi da novanta della famiglia Santapaola-Ercolano, al circolo di Sant'Agata. Il cerimoniere tuttavia si giustificò dicendo di avere appreso dopo la caratura dei personaggi. Quelli erano gli anni in cui sotto lo scrigno della martire si alternavano anche Vincenzo Ercolano e Francesco Santapaola.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×