Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Donna muore dopo il parto, medico assolto in Appello
Vittima era volontaria Croce rossa e studiosa a Unict

Unico imputato il ginecologo Placido Borzì, dal 2005 in servizio all'ospedale Cannizzaro come responsabile delle attività cliniche e dei trattamenti per la diagnosi e la terapia dell’infertilità. L'accusa aveva chiesto la conferma del verdetto di primo grado

Dario De Luca

Foto di: Marcelo Leal

Foto di: Marcelo Leal

Assolto dall'accusa di omicidio colposo perché il fatto non sussiste. L'esito è quello del processo d'Appello in cui l'unico imputato era il ginecologo Placido Borzì, 59 anni, dal 2005 responsabile del servizio di procreazione medicalmente assistita all'ospedale Cannizzaro di Catania. In primo grado, il camice bianco era stato condannato dai giudici a quattro mesi con pena sospesa. Dietro i freddi verdetti delle aule di giustizia del tribunale di piazza Giovanni Verga c'è la storia di Cinzia Schilirò, mamma di tre gemelli morta il 27 dicembre 2008 a distanza di una decina di giorni dal parto. Un evento programmato con la vittima che, durante la gravidanza, era stata seguita proprio da Borzì. 

Dopo la nascita dei bambini, la donna accusa una serie di complicazioni, tanto da essere trasferita nel reparto di Rianimazione. Qui viene sottoposta a craniectomia decompressiva, ma il giorno dopo muore. I familiari, con in testa la sorella e il marito della vittima, presentano un esposto in procura che fa partire l'inchiesta. Sotto la lente d'ingrandimento dei magistrati finiscono subito la condotta del medico e sue le eventuali negligenze. Per fare luce sulla vicenda nel processo di secondo grado - con Borzì che è stato assistito dall'avvocata Isabella Giuffrida - i giudici hanno disposto una perizia poi rivelatasi decisiva ai fini dell'assoluzione. 

La procura generale al termine della requisitoria, tuttavia, aveva chiesto la conferma del giudizio di primo grado con la dichiarazione di prescrizione del reato, a distanza di 12 anni dal parto. I togati hanno però deciso di assolvere il medico con la formula «perché il fatto non sussiste» scegliendo, inoltre, di non dichiarare estinto il reato. Durante l'ultima udienza, quella riservata alle conclusioni della difesa e della parte civile, queste ultime hanno rinunciato al proprio atto di costituzione. Nella sentenza di primo grado per Borzì, oltre alla condanna, era stata stabilita una provvisionale immediatamente esecutiva del valore di 50mila euro

Dopo la morte della donna, nel 2018, le è stata intitolata una grotta lavica scoperta a San Gregorio, nella Riserva naturale integrale complesso Immacolatelle e Micio Conti. In un'area gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania con cui Schilirò ha collaborato per alcuni anni occupandosi pure dell'acquario Mediterraneo di Giarre - struttura ormai chiusa - aperto grazie al contributo scientifico del Centro universitario per la tutela e la gestione degli ambienti naturali. Schilirò era attiva anche nel mondo del volontariato come operatrice della Croce Rossa di Catania e all'ex sezione dei Pionieri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×