Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corso Province, per i semafori si deve ancora aspettare 
Annunciati a gennaio. Arcidiacono: «Non sono arrivati»

A distanza di sette mesi dall'ordine, dei regolatori del traffico non c'è ancora traccia. E bisognerà attendere. Delle rotatoie volute dall'amministrazione dell'ex sindaco Enzo Bianco restano invece solo i segni sull'asfalto dei molti incidenti

Gabriele Patti

Foto di: siobhandolezal

Foto di: siobhandolezal

«Li abbiamo ordinati circa venti giorni fa». È il 14 gennaio 2020 quando l'assessore alla Mobilità del Comune di Catania Pippo Arcidiacono annuncia a MeridioNews l’arrivo dei semafori, dal valore di 30mila euro, che avrebbero dovuto sostituire le aiuole spartitraffico tra corso delle Province e via Gabriele D’Annunzio. Il condizionale è d’obbligo perché a distanza di sette mesi dall’effettuazione dell’ordine, dei semafori non c’è ancora traccia e delle rotatorie volute dall’amministrazione guidata dall’ex sindaco Enzo Bianco (e rimosse lo scorso dicembre non senza polemiche), rimangono solo i segni impressi sull’asfalto

«Purtroppo non sono ancora arrivati - spiega Arcidiacono a MeridioNews - appena ce li consegnano procederemo all’installazione». Le normali lungaggini burocratiche non sarebbero le sole cause del ritardo. Alle difficoltà dovute alla gestione della pandemia, che hanno contribuito a dilatare i tempi, si aggiunge anche la gestione del trasferimento di alcuni servizi di manutenzione stradale dalla Multiservizi alla Sostare, entrambe società partecipate del Comune di Catania. 

L’iter per il passaggio di circa venti lavoratori è stato portato a termine nei giorni scorsi, ma ad oggi nessuno degli addetti alla manutenzione ha ancora effettuato un solo giorno lavorativo. «Dovevamo cominciare il 3 agosto - spiega uno degli operai a MeridioNews - ma ci hanno messo tutti in ferie». Con la conseguenza che da marzo il rifacimento della segnaletica orizzontale tra le vie cittadine è attaccato al palo e dei semafori non si sa nulla

«Perché in questo momento di emergenza - confermano fonti interne a palazzo degli Elefanti - abbiamo tante questioni da risolvere». Per adesso, dunque, a regolare il traffico veicolare dell’incrocio resta solo una sempre più sbiadita segnaletica orizzontale. A confermare lo stato di assoluta incertezza in merito all’installazione dei dispositivi di regolazione del traffico nel quadrivio in cui, dopo la rimozione delle «cervellotiche rotonde» - così le aveva definite Multiservizi in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook -, si sono verificati diversi incidenti, è il presidente di Sostare Luca Blasi. 

«Non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione riguardo ai semafori - spiega l’avvocato Blasi - in ogni caso anche qualora arrivassero, prima di procedere alla sistemazione vanno tracciati i cavi elettrici e installate le centraline». Opere, queste ultime, la cui realizzazione spetta alla direzione dei Lavori pubblici del Comune. Insomma, per avere una gestione regolare del traffico tra corso delle Province e via Gabriele D’Annunzio bisognerà ancora attendere. Quanto, però, non lo sa nessuno.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×