Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Procura vuole il processo per il deputato Sammartino
Fissata l'udienza. L'accusa è di corruzione elettorale

Insieme al luogotenente di Italia Viva in Sicilia ci sono sette indagati. Il fascicolo inizialmente conteneva 13 nominativi. Il re delle preferenze avrebbe promesso e dato utilità in cambio di sostegno alle urne. A decidere sarà il giudice Luigi Barone

Dario De Luca

Foto di: facebook luca sammartino

Foto di: facebook luca sammartino

Indagini chiuse e richiesta di rinvio a giudizio. Si aggiunge un nuovo capitolo nella vicenda che ha come protagonista il deputato regionale di Italia Viva Luca Sammartino. Il re delle preferenze, eletto a palazzo dei Normanni nel 2017 con un plebiscito di voti, è accusato dai magistrati di corruzione elettorale. La prossima udienza, come scritto da Live Sicilia, è stata fissata dalla giudice Carmela Laudani per il 17 settembre davanti al giudice per l'udienza preliminare Luigi Barone

Lo stesso togato in passato si è occupato dei casi dell'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, del fratello Angelo e dell'editore Mario Ciancio Sanfilippo. Per il politico di Grammichele il giudice stabilì l'imputazione coatta mentre nel 2012 nei confronti del potente uomo d'affari ed ex direttore del quotidiano La Sicilia si oppose alla richiesta d'archiviazione della procura stabilendo ulteriori indagini.

Sammartino è cresciuto politicamente nel centrodestra centrando la prima elezione a Palermo con lo scudo crociato dell'Udc nel 2012. Due anni dopo, nel 2014, è l'ideatore del movimento Articolo 4 con l'ex Mpa Lino Leanza. C'è poi il transitato nel Partito democratico alla corte di Matteo Renzi in nome di un patto politico che prosegue con Italia Viva. L'inchiesta nei confronti dell'odontoiatra venne svelata per la prima volta da MeridioNews l'1 dicembre 2019. Nel mirino dei magistrati non solo le elezioni regionali del 5 novembre 2017 ma anche le Politiche del 2018. In ques'ultimo appuntamento Sammartino era candidato alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Misterbianco. Alla fine raccolse circa 16mila preferenze che però non bastarono per centrare lo scranno a Roma. Le contestazioni degli inquirenti nell'inchiesta vanno dalle ipotizzate assunzioni in aziende private a presunte raccomandazioni per promozioni o trasferimenti in sanità o partecipate. Ma anche spintarelle per la rateizzazione di cartelle esattoriali.

Venti giorni prima della notizia riguardante l'inchiesta a carico di Sammartino in Sicilia era sbarcato Matteo Renzi. Nella cornice della sala congressi delle Ciminiere di Catania l'ex presidente del Consiglio aveva addirittura lanciato l'ipotesi di una candidatura del 36enne deputato regionale come prossimo governatore. «Alle prossime elezioni in Sicilia - disse - saremo il primo partito». Attualmente Sammartino occupa il ruolo di presidente della commissione Lavoro all'Assemblea regionale siciliana. 

«Sono sereno - commenta Sammartino attraverso un comunicato stampa - Grazie alle memorie difensive che ho depositato già i capi di imputazione sono passati da 11 a 6. Gli altri 5 sono stati stralciati con richiesta di archiviazione. Sono certo che anche davanti al gup emergerà chiaramente la verità e cioè l'insussistenza dei fatti contestati. Sono fiducioso nel lavoro della magistratura a cui va il mio rispetto per la funzione che svolge all’interno delle istituzioni democratiche».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×