Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni, imprenditori incontrano i candidati
«Serve una cultura basata sul merito»

Rappresentanti d'impresa, top manager e docenti universitari. Insieme, hanno deciso di riunirsi in un tavolo, per discutere della città, delle sue criticità e delle possibili soluzioni. Per provare a migliorarla. «Siamo stanchi di aspettare qualcuno che risolva i problemi, non arriverà, quindi l’unica soluzione è l’autorganizzazione», spiegano. Tra i programmi, un ciclo di incontri a porte chiuse con gli aspiranti sindaco del capoluogo etneo. «Uno scambio in informazioni sereno, ma senza sconti a nessuno»

Desirée Miranda

Sono una trentina tra imprenditori - soprattutto -, top manager e docenti universitari e si sono riuniti nel nome Il tavolo per le imprese. «Perché vorremmo incidere su tutto ciò che può creare valore e crescita a partire da un nuovo approccio che metta al centro la cultura del fare e del merito», spiega Giuseppe Ursino, uno dei tavolisti. Nato nel settembre del 2011, vuole proporsi come gruppo di opinion maker per tutto ciò che può rappresentare sviluppo per la città di Catania e la sua provincia. «Siamo stanchi di aspettare qualcuno che risolva i problemi – dice Ursino – E che non arriverà. L’unica soluzione è l’autorganizzazione». Ma vogliono farlo in modo democratico e concreto. Impossibile per il gruppo mancare l'appuntamento con le prossime elezioni amministrative che daranno una guida a Catania: vogliono conoscere i candidati, i loro programmi, confrontarsi con loro. Ma a modo proprio.

Il tavolo non ha una sede fissa, un ordine del giorno per le riunioni né un leader. Ma ha un limite fissato a circa 40 componenti «perché tutti possano avere la possibilità di contribuire. Non si può discutere in troppi», spiega Ursino. L'aspirazione dei componenti non è quella di mettere in piedi una associazione di categoria, «delle vere e proprie aziende strutturate in cui la base conta poco e che sono caratterizzate da un ordine gerarchico. Una idea lontana dalla nostra», aggiunge il rappresentante. Si presentano come uomini e donne del fare e vogliono dare l’esempio ai loro concittadini.

Ma non solo. Dopo la serie di incontri con i candidati alla presidenza della Regione siciliana per la tornata elettorale di pochi mesi fa, adesso i tavolisti vogliono ripetere l'esperimento con chi si propone per la poltrona di primo cittadino della città etnea. Per oggi è stato organizzato un incontro con Maurizio Caserta prima, e con Raffaele Stancanelli subito dopo. Seguiranno gli altri aspiranti primi cittadini. «Non abbiamo una programmazione, ma i nostri sono incontri a porte chiuse in cui cerchiamo di dialogare nel modo più spontaneo possibile con il candidato - conclude Ursino - Non permettiamo il sermone, vogliamo uno scambio in informazioni sereno, ma senza sconti a nessuno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×