Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rivendevano sul mercato nero pezzi di macchine rubate
Scoperto il gruppo con sede nelle campagne di Belpasso

Giuseppe Agosto, Massimiliano Rete, Francesco Davide Catania e Vito Di Pasquale sono stati arrestati con l'accusa di ricettazione e riciclaggio. Per gli stessi reati è stato denunciato anche un ragazzo di 14 anni. Guarda le foto

Redazione

Un gruppo criminale specializzato nelle rivendita delle componenti meccaniche sul mercato nero di auto rubate. A scoprirlo e smantellarlo sono stati i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò che, supportati dai colleghi dello squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia, hanno arrestato Giuseppe Agosta (34 anni) di Misterbianco, Massimiliano Rete (28 anni) di Motta Sant’'Anastasia, Francesco Davide Catania e Vito Di Pasquale (di 23 anni) entrambi di Belpasso. Per loro l'accusa è di ricettazione e riciclaggio. Per gli stessi reati un 14enne è stato denunciato alla procura dei minori di Catania. 

Vito Di Pasquale

Massimiliano Rete

Giuseppe Agosta

Davide Catania

I militari, dopo avere ricevuto la segnalazione di un capannone nelle campagne belpassesi - in contrada Vignale - utilizzato dal gruppo criminale per effettuare lo smontaggio delle auto, hanno circoscritto la vasta zona utilizzando anche un drone telecomandato. Nel rudere abbandonato sono arrivati gli uomini a bordo di una Renault Clio e di un furgone noleggiato per trasportare i vari pezzi dell'auto rubata e ormai smembrata. I militari, nascosti tra la vegetazione, hanno atteso il loro arrivo e sono riusciti persino ad ascoltare le loro conversazioni. «Domani dobbiamo fare la stessa cosa», avrebbe detto uno di loro con tono compiaciuto.

Il gruppetto aveva sottomano una Fiat Panda di colore bianco che era stata rubata lo scorso 30 luglio a Nicolosi e che, al momento dell’intervento, era stata ormai quasi scheletrizzata. La perquisizione personale e a bordo dei veicoli ha consentito ai militari di trovare, oltre a un’ingente quantità di arnesi per la forzatura delle serrature e da officina, anche un dispositivo utilizzato per inibire alcune funzioni della centralina elettronica delle macchine. In casa di Rete, i militari hanno trovato un borsone con quattro centraline elettroniche modificate che, solitamente, vengono utilizzate per compiere i furti di auto. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati posti agli arresti domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×