Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Forconi, salta l'incontro con Crocetta
Blocchi e code al casello di San Gregorio

Un appuntamento richiesto da tempo e fissato per oggi pomeriggio a Palermo dal governatore regionale. Che però non si è presentato. E il movimento degli agricoltori che a gennaio dello scorso anno ha paralizzato l'isola torna a bloccare i mezzi pesanti - solo temporaneamente - e a rallentare il traffico a Catania. Nuovo centro della protesta. «Se il presidente vuole veramente incontrarci, venga qui», spiega il leader Mariano Ferro

Redazione

Stavolta a farli arrabbiare è stato un appuntamento promesso e disertato dal presidente regionale Rosario Crocetta. E il Movimento dei Forconi torna a fare parlare di sé. Quasi come un anno fa, intorno alle 20, al casello di San Gregorio, a Catania, le auto erano ferme in una fila lunga già circa 500 metro, fino a raggiungere, nelle ore successive, anche i tre chilometri. Ma stavolta a rallentare il traffico sono blocchi solo momentanei dei mezzi pesanti: i conducenti vengono fermati per qualche minuto e poi lasciati ripartire. Su posto è presente la polizia, mentre una delegazione del movimento è stata ricevuta in prefettura. La protesta è andata avanti per tutta la notte e i manifestanti annunciano che proseguiranno anche nella giornata di domani, per cui è già prevista un'allerta per il traffico da e verso Messina.

I Forconi sono da settimane presenti al casello etneo. Ma la loro, per chi ricorda la paralisi totale dell'isola a gennaio 2012, questa volta è stata una presenza discreta fatta solo di volantinaggio. Non solo sui temi cari al movimento - come la crisi dell'agricoltura, il caro benzina, le cartelle esattoriali della Serit - ma anche sulle battaglie calde dell'isola come il Muos, le antenne militari statunitensi in costruzione a Niscemi.

Nel pomeriggio a fare degenerare la situazione è stato invece un incontro previsto a Palermo alla Regione Sicilia. Un appuntamento chiesto da tempo e fissato per oggi dal governatore Crocetta. Che però, impegnato per il voto finale al ddl di abolizione delle province, non si è presentato. Al suo posto, racconta il leader regionale e candidato del movimento alle passate elezioni regionali Mariano Ferro, avrebbe mandato un assessore. Ma i Forconi non ci stanno e promettono battaglia, a cominciare dai blocchi di queste ore a Catania, diventata il nuovo centro della protesta. «Se il presidente vuole veramente incontrarci, venga qui», spiega Ferro.

Dal canto suo, il Governatore Crocetta ha chiesto ai membri del Movimento presenti ai caselli di «interrompere immediatamente i blocchi, per non causare danni ai produttori, in particolare agli agricoltori», facendo appello al «senso di responsabilità» e sottolineando come le proteste dello scorso anno abbiano causato «mezzo miliardo di perdite». E in merito alle accuse dei Forconi sul mancato incontro di ieri, conclude affermando che «il governo dichiara di essere disponibile a discutere con i manifestanti al fine di rimuovere i blocchi».

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×