Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, positivo ragazzo dopo serata in discoteca
Tracciati contatti più stretti. Il giovane è in isolamento

Secondo quanto verificato da MeridioNews l'uomo ha partecipato a una serata in discoteca all'Afrobar, al lungomare di Catania. Decisivo dopo l'emergere di alcuni sintomi il passaggio al Pronto soccorso del Policlinico. Isolate circa 30 persone

Dario De Luca

Continuano a salire i contagi in Sicilia. Secondo i dati, diffusi quotidianamente dal dipartimento della Protezione civile, nell'Isola si registrano 30 nuovi positivinove in più rispetto alla giornata di ieri. In totale sono 342. Su tutto il territorio italiano nelle ultime 24 ore si sono registrati 402 nuovi casi, sei in più rispetto a ieri. Secondo quanto appreso da MeridioNews tra i contagiati ci sono 13 migranti di cui cinque a Messina. La provincia che ha registrato più infetti è Catania. E qui a destare maggiore preoccupazione è la positività di un ragazzo che ha partecipato a una serata in discoteca al lungomare della Playa. L'evento in questione, confermano fonti sanitarie a MeridioNews, si è svolto ieri sera nel noto locale Afrobar. Una serata in cui a esibirsi sono stati il rapper catanese Skinny, all'anagrafe Noà Magro, e anche il cantante neomelodico Niko Pandetta.

Secondo quanto confermato al nostro giornale, il giovane si è recato al Pronto soccorso dell'ospedale Policlinico. La sintomatologia era compatibile a una possibile positività al Covid-19. Subito sono scattate le procedure di verifica con il tampone faringeo che ha confermato il contagio. Il giovane rischiava di essere ospedalizzato ma ha deciso di firmare per trascorrere il periodo di isolamento obbligatorio a casa. Al momento i laboratori stanno vagliando i tamponi della famiglia. L'Azienda sanitaria provinciale ha immediatamente attivato la procedura di tracciamento identificando i più stretti contatti dell'infetto. Così circa 30 persone al momento sono state messe in isolamento

In queste ore, la notizia si è rapidamente diffusa nelle chat Whatsapp e in alcune stories su Instagram. L'evento in questione, avvenuto all'aperto, ha raccolto la presenza di circa 1000 partecipanti. Chi presenta sintomi come febbre oltre 37,5, tosse, difficoltà respiratorie e perdita dell'olfatto o del gusto è invitato a mettersi in contatto con l'Asp. Impossibile tracciare tutte le mille persone che hanno partecipato all'evento, perché ai locali non è richiesto di tenere una lista. «A tutti i contatti a basso rischio che erano presenti alla serata in questione - spiega l'infettivologo Pino Liberti, commissario Covid all'Asp - chiediamo di fare una cautela di 13 giorni: limitare le uscite ed evitare i luoghi più affollati. Allo scadere di questo periodo - aggiunge - potranno richiedere di essere sottoposti a tampone per verificare l'eventuale contagio». Intanto, alcuni dei partecipanti alla serata hanno già dichiarato a MeridioNews l'intenzione di sottoporsi al test sierologico.

Sulla pagina Facebook dell'Afrobar è stato pubblicato un post: «Abbiamo preso come sempre tutte le precauzioni previste dalla norme anti-Covid-19 - sostengono - Non ci è pervenuto nessun intervento medico effettuato dall'apertura fino alla chiusura del locale. Al momento non ci è stato comunicato nulla di ufficiale dalle autorità competenti». Il post prosegue indicando la notizia come una «fake news» ma la positività del giovane e il collegamento con l'evento di ieri è confermato.

Intanto i «cinque migranti positivi a Messina. Saranno trasferiti e quella struttura andrà immediatamente chiusa appena libera dai soggetti in quarantena». Lo dice in una nota l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, riferendosi ai tamponi effettuati nel centro che ospita i migranti a Messina. «Il modello imposto sta implodendo - continua - E nessuno pensi ancora alla tendopoli. Non si può fare», conclude riferendosi all'imminente apertura della struttura destinata alla quarantena dei migranti nel territorio di Vizzini

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×