Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Castello, «Vogghiu ‘u tesserinu così mi riconoscono»
La richiesta del consigliere leghista diventa virale sui social

Risalgono al 9 luglio le parole del membro di maggioranza che, con un intervento in dialetto rilancia la richiesta di una carta di riconoscimento per i consiglieri comunali. Il sindaco:« Non sono d’accordo, ma lo rispetto». Dall'opposizione invece parlano di privilegio superfluo

Carmelo Lombardo

«Iu vogghiu ‘u tesserinu. Ai vigili urbani nuovi comu ciu dimostru ca sugnu consigghieri comunali? Avendo il tesserino, c’ju m’picu ‘nda facci all’impiegato. Se non avrò il tesserino, ti diffiderò». Con queste parole il consigliere comunale di Aci Castello Santo Grasso, lo scorso 9 luglio, si è rivolto al presidente del Consiglio Venerando Cacciola. L’intervento di Grasso, dai toni coloriti e in dialetto, faceva riferimento alla richiesta del tesserino di riconoscimento che sarebbe utile a tutti ai consiglieri comunali a farsi riconoscere. Nel frattempo il video è finito in rete, scatenando ironia e indignazione.

«Secondo me è corretto che un amministratore abbia il tesserino - prova a spiegare Grasso a MeridioNews - Già da tempo abbiamo inviato le foto al presidente del Consiglio, ma ancora niente. Io voglio dimostrare che sono consigliere, perché sia negli uffici che tra i consiglieri ci sono persone nuove». Grasso, consigliere comunale dagli anni Ottanta - passato dalla Democrazia Cristiana all’Mpa, per poi approdare all’Udc e alla candidatura con delle liste civiche - è da poco passato alla Lega di Salvini. Nella scorsa sindacatura ha appoggiato Filippo Drago, oggi fa parte della maggioranza a sostegno di Carmelo Scandurra. 

«In passato è successo che un consigliere comunale abbia avuto il tesserino - continua - Può essere che non ho un linguaggio da diplomatico, ho sempre parlato così, ho la terza media. Ho sempre detto quello che pensavo e in qualsiasi modo, anche quando sostenevo il l’ex sindaco Filippo Drago, che ha pubblicato il video che mi ritraeva. Rimane la mia fiducia nei confronti del sindaco e del presidente del Consiglio».

Di parere diverso è Ezia Carbone, consigliera di opposizione, candidata sindaca sconfitta alle scorse elezioni da Carmelo Scandurra. «Sin dall’inizio, quando sono stata contattata dalla segretaria comunale, non ho mai appoggiato questa proposta del tesserino - afferma a MeridioNews - Ad Aci Castello non siamo una comunità grandissima, ci conosciamo tutti. Questa del tesserino può essere considerata una forma di privilegio, che io non intendo avere. Non è da un giorno che facciamo i consiglieri comunali, quindi questa iniziativa non ha nessun valore».

Il dibattito che è venuto fuori dall’intervento di Grasso, sembra non aver soddisfatto il primo cittadino Carmelo Scandurra. «Quel giorno non ero presente in aula, ma vedendo il video non fa una bella impressione - ammette -. Il tesserino per me non per me non è necessario, ma sono scelte che competono al consiglio comunale e non a me». Scandurra poi si sofferma sulla pubblicazione del video: «Il consigliere Grasso lo conosco da tempo e si impegna molto, in consiglio come in città. La cosa che mi lascia perplesso però è che a condividere il video sia stato l’ex sindaco Drago, che non ha mai criticato “Santuzzu”, come lo chiamava, nei dieci anni in cui lo ha avuto in maggioranza. Oggi si scopre indignato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×