Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sparatoria Librino, striscione per una delle vittime
Proseguono indagini. Tra le piste non solo la droga

In piazza Dante una scritta per commemorare Enzo Scalia, detto Negativa. Intanto gli inquirenti stanno continuano a lavorare per capire cosa sia successo davvero sabato sera lungo viale Grimaldi. Quattro le persone che sono rimaste ferite

Dario De Luca

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

«Enzo negativa brillerai per sempre». Un messaggio semplice e chiaro per ricordare Enzo Scaliauna delle due vittime della sparatoria di sabato sera, nei pressi dei civici 16 e 18 di viale Grimaldi, a Librino. Lo striscione, sfondo bianco e lettere nere, è stato affisso tra via Mascalipiazza Dante, in un muro di palazzo Ingrassia, a pochi metri da uno degli storici punti di ritrovo del tifo organizzato del Calcio Catania. Sotto la scritta una corona di fiori bianchi, a forma di cuore, con la scritta Enzo in rosso. Qualcuno ha lasciato anche una pianta di girasoli. Due giorni dopo il far west gli investigatori stanno lavorando a ritmi serrati per ricomporre i pezzi di questa storia. 

Insieme a Scalia, 25 anni, è stato ucciso il pregiudicato 48enne Luciano D'Alessandro. Quattro le persone rimaste ferite, di cui due dimesse dagli ospedali subito dopo i fatti. L'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, è stata assegnata al sostituto Alessandro Sorrentino. Gli interrogatori sono scattati nell'immediatezza. A terra sono rimasti anche due ciclomotori ma il vero nodo è se dietro la sparatoria ci sia una discussione degenerata o un regolamento di conti

Al momento, secondo quanto appreso da MeridioNews, nessuna pista viene esclusa dagli inquirenti. Una delle più battute è quella che ruota attorno al mondo della droga. Nei pressi del punto in cui sono stati uccisi Scalia e D'Alessandro c'è infatti una grossa piazza di spaccio. Entrambe le vittime vantano diversi precedenti penali ma nel caso del più giovane dei due, almeno in passato, non erano emerse contestazioni legate ai clan. Diverso l'identikit di D'Alessandro. Arrestato nel 2008 insieme al boss Biagio Sciuto - clan Sciuto-Tigna - dopo una rapina a un rappresentante di gioielli mentre viaggiava in direzione dell'aeroporto Fontanorssa.

Ci sono poi i feriti. Uno di loro, il più anziano, è accostato dalle forze dell'ordine al clan Cappello. Due sono i fatti che hanno preceduto la sparatoria, con le forze dell'ordine che stanno lavorando per capire eventuali collegamenti. Venerdì sera è stato ferito a un polpaccio, con un colpo di pisola, Salvatore Monaco, fratello di Christian. Quest'ultimo considerato personaggio in ascesa nel panorama criminale cittadino all'interno del quartiere San Berillo Nuovo. Sabato pomeriggio, invece, si è verificata una rissa in un noto bar di via Armando Diaz, nei pressi del quartiere Nesima

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×