Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parcheggi, Comune rischia di perdere i fondi regionali
Trantino: «Contiamo di fare la gara entro quest'anno»

Nel 2019 la delibera che ha concesso i finanziamenti per realizzare le opere in viale Raffaello Sanzio, via Acicastello e via Narciso. A MeridioNews l'assessore Enrico Trantino spiega quali saranno le mosse per recuperare il tempo perduto

Gabriele Patti

Dovevano essere sei, poi cinque, infine tre le aree di sosta previste dal Comune di Catania nel piano parcheggi varato dalla giunta comunale a ottobre del 2018. Oltre 23 milioni di euro da spendere per opere in viale Raffaello Sanzio, via Acicastello e via Narciso. A quasi due anni dall’approvazione e oltre un anno dall’ottenimento dei fondi regionali, però, dei parcheggi non c’è ancora alcuna traccia. «La domanda sorge spontanea: a che punto siamo?», si chiede l’associazione cittadina CittàInsieme.

La modifica voluta dall’amministrazione alla delibera datata aprile 2019 - che ha drasticamente ridotto i piani espansionistici di Palazzo degli Elefanti escludendo la realizzazione del parcheggio di viale Fleming e, dopo le proteste per il paventato abbattimento del centro sociale e ricreativo, anche quello di piazza Lupo - era stata attuata «per realizzare i parcheggi nelle zone immediatamente cantierabili», aveva spiegato l’ente comunale in una nota stampa che risale a giugno dell'anno scorso. 

Una questione annosa quella riguardante la realizzazione di nuove aree di sosta nella città di Catania e che inizia nel 2002 quando l’allora presidente del Consiglio dei ministri Silvio Berlusconi nomina commissario straordinario per il traffico e l’emergenza sismica Umberto Scapagnini, già inquilino di Palazzo degli Elefanti e ai tempi medico personale del premier. In ballo c’era la realizzazione dei parcheggi in piazza Europa, in piazza Verga, in via Asiago e in piazza Lupo. Di quei quattro progetti soltanto uno vide la luce. E il presente non promette bene. Sebbene l’inizio dei lavori era stato previsto entro sei mesi dallo stanziamento dei fondi, a distanza di un anno dalla presentazione del decreto regionale di finanziamento delle opere, sul piatto non c’è ancora nulla. Ad aggravare il quadro c’è la mancata realizzazione del parcheggio scambiatore che doveva essere realizzato in collegamento con la stazione della metropolitana nel quartiere San Nullo, per fungere da interscambio con i mezzi privati. 

«Ma questo, a distanza di tre anni dalla realizzazione della fermata, ancora oggi non c’è - sottolinea CittàInsieme - e dei lavori che il Comune avrebbe dovuto avviare per realizzarlo non si ha notizia». A fornire spiegazioni in merito al ritardo è l’assessore ai Lavori pubblici, fresco di delega all’Urbanistica, Enrico Trantino. «C’è stato un notevole ritardo - ammette Trantino -, è stato fatto il bando per la progettazione esecutiva ma la nostra priorità al momento è salvare i finanziamenti». Perché se il Comune non accelera l’iter il rischio è di perdere i fondi regionali e per questo adesso diventa fondamentale rispettare tutte le tappe per evitare che i progetti finiscano nel vuoto. «Entro la fine di agosto - afferma Trantino - dovremmo assegnare l’incarico ai verificatori e ai coordinatori della sicurezza». A settembre «il progetto completo tornerà all’assessorato regionale» e a fine anno «faremo la gara per i lavori il cui completamento è previsto per la fine del 2023». Se per il piano parcheggi sembra esserci un programma, tutto tace invece per la realizzazione del parcheggio scambiatore a San Nullo. «Per questo siamo ancora in una condizione di stallo», conclude l'assessore.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×